Cani sì ma educati!

dd10bb7a-406c-45d8-a0e8-5268b663d0fb.jpg
0
0
0
s2sdefault

I cani sono ormai i nostri compagni fedeli in ogni situazione, ci accompagnano nelle passeggiate, a fare lo shopping, sui mezzi pubblici, nei ristoranti e perfino in chiesa. Ma la convivenza non è proprio facilissima forse proprio perché gli facciamo fare un po’ troppo una vita da umani. I problemi sorgono molto presto quando sono ancora cuccioli e fanno i loro bisogni ovunque compresi i bei tappeti dei nostri appartamenti. E questo è solo l’inizio! Il cane da adulto, spesso continua a fare i bisogni in casa, tira al guinzaglio, non torna al richiamo, distrugge tutto in assenza del proprietario, mangia quello che trova in strada, abbaia troppo, non si può far avvicinare agli altri cani perché subito ringhia, salta addosso anche solo per fare le feste e spesso fa cadere i bambini … E così spesso ci si rivolge agli educatori cinofili che sono una categoria professionale riconosciuta. Io ne ho fatto personalmente esperienza con Francesco Serra, istruttore cinofilo e attualmente docente di corsi Inpetra per educatori cinofili con diploma riconosciuto a livello internazionale. E’ stata una esperienza bellissima.

Leggi tutto: Cani sì ma educati!

ASSURDO

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il linguaggio degli adolescenti  di tutte le epoche è sempre stato infarcito di neologismi o  di espressioni linguistiche, ripetute  spesso in modo incongruo rispetto al contesto. La ragione  è da ricercarsi nel bisogno  dei giovanissimi di differenziarsi dal mondo adulto,  anche attraverso l’omologazione a un codice linguistico diverso.  Oggi, il termine con cui  gli adolescenti  manifestano meraviglia, stupore, incredulità,  sorpresa  o imprevedibilità di un evento è  “assurdo”.  L’aggettivo assurdo ha il significato  di sottolineare un vissuto contrario a qualunque logica del pensiero e  fuori da possibili verifiche realistiche, quindi è considerata assurda  quella  particella conoscitiva di cui si sta facendo esperienza,  perché fuori  da qualsiasi  tesi verificabile. Ma, possiamo pensare che il mondo della adolescenza si trovi sempre di fronte a qualcosa di impensabile?  Sicuramente no, ma la spontaneità dei giovani ci induce a riflettere sul bisogno di usare  proprio oggi questo termine, che, al di là del significato, una logica ce l’ha. 

Leggi tutto: ASSURDO

circolo.png
0
0
0
s2sdefault

Per chi trascorrerà qualche giorno durante le feste di fine anno a Londra consigliamo due piacevoli ristoranti che oltre ad essere piacevoli per gli occhi,sono perfetti per realizzare le vostre foto da mettere su Instagram. Il primo è italianissimo e si chiama “Circolo Popolare” si trova nel frizzante quartiere di Fitzrovia e sembra di entrare in un set di Dolce & Gabbana. I piatti sono cucinati con prodotti provenienti rigorosamente da piccoli produttori italiani e da agricoltori locali. Qui si mangia un’ottima pizza d’impronta napoletana ed anche la famosa pizza al metro per non parlare dei gustosissimi primi e dei dessert XXL. Ritornando alle atmosfere inglesi dei film di James Ivory dovete assolutamente andare in uno dei ristoranti  più “instagrammabili” degli ultimi tempi  a Londra: l’Ivy Chelsea Garden situato in King’s Road. 

Leggi tutto: Circolo Popolare e Ivy Chelsea Garden due ristoranti “instagrammabili” da non perdere a Londra.

BANGKOK, una guida speciale di Corrado Ruggeri

IMG_0082.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il libro di Corrado Ruggeri si intitola esattamente: Storie di Bangkok, una guida diversa per capire, decifrare, entrare. E, in effetti, questo è un racconto molto piacevole della città attraverso dieci storie che ci fanno vivere Bangkok dall’interno, come se la raccontasse una persona che da sempre vive lì. Gli “incontri “ di Corrado Ruggeri  cominciano con Silpa Bhirasri all’anagrafe Corrado Feroci, “un italiano naturalizzato thailandese, un anonimo insegnante nella terra natale, diventato una celebrità dell’arte e dell’insegnamento nella sua seconda patria, un caposcuola onorato con funerali reali e una statua nel centro di Bangkok”. Il re Rama V dell’allora Regno del Siam così si chiamava la Thailandia, nel 1897 fece un viaggio in Italia; sbarcò a San Remo e poi prese il treno messo a disposizione dal re Umberto I di Savoia, per raggiungere Torino dove rimase impressionato prima dalla stazione di Porta Nuova e poi dall’eleganza degli edifici della città. Fu così che al suo ritorno, importò architetti, ingegneri e artisti italiani chiedendo loro di ridisegnare una nuova porzione di Bangkok compresi il Palazzo del Trono e la stazione che è molto simile a quella di Porta Nuova. Ma, ritornando a Corrado Feroci, il fratello del re Rama VI lo chiamò quando gli arrivò voce che in città c’era un artista italiano bravissimo e non sufficientemente valorizzato. Dopo la prova di un busto che ebbe apprezzamenti entusiastici, Feroci comincia a lavorare con grande impegno e successo e, dopo appena un anno, viene nominato scultore del Dipartimento reale; dieci anni dopo fonda l’Accademia delle Belle Arti che poi sarebbe diventata l’Università di Silpakorn, il più grande centro di formazione per artisti della Thailandia, situato proprio di fronte al Palazzo Reale.

Leggi tutto: BANGKOK, una guida speciale di Corrado Ruggeri

Foto_rabbia.jpg
0
0
0
s2sdefault

La Fondazione per la Medicina Personalizzata FMP, ha promosso una campagna di informazione,  che nasce dall’osservazione della pratica clinica sulla rabbia nei pazienti oncologici. Per il prof. Paolo Marchetti – Presidente della Fondazione per la Medicina Personalizzata e direttore dell’ Oncologia Medica B Policlinico Umberto I, professore ordinario di Oncologia Medica alla Sapienza e già direttore del reparto di Oncologia Medica dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma - gli ostacoli presenti nei percorsi di cura rappresentano dei muri spesso insormontabili, la diagnosi di una malattia oncologica influenza in molti modi la vita di una persona, annulla in un momento il progetto di vita. Tra le reazioni più comuni ci sono shock, negazione, depressione, ansia e rabbia. Quest’ultima si declina in molteplici forme, la rabbia verso sé stessi, la rabbia verso una malattia che “non deve colpire” me, la rabbia verso i medici  curanti che sono presi come la conferma del fallimento terapeutico, la rabbia verso  il mondo intero. In questa società in cui sono predominanti i temi della bellezza e dell’immortalità, se c’è un’imminenza di morte, sicuramente la colpa deve essere di qualcuno e quindi ecco che scatta la rabbia verso il medico, verso la struttura che cura perché non ha saputo superare il limite della morte.  Ma la rabbia non è solo quella del paziente,  la rabbia è anche quella dei familiari nei confronti dei medici, ma soprattutto la rabbia come momento di frattura con quello che abbiamo intorno è maggiore quanto più siamo stati lontano dalle persone care. Gli attacchi più violenti, subiti dal prof. Paolo Marchetti, sono stati quelli da parte dei familiari, che non sono mai comparsi nel lungo percorso di malattia, e che si sono accorti, arrivando, all’ultima settimana di vita del loro caro, che si era giunti al capolinea. E poi  c’è la rabbia dei medici, perché hanno il rammarico, forse, di non aver prestato attenzione ad un particolare, ad un sintomo che è sfuggito; la rabbia dovuta al non avere ancora a disposizione la capacità di guarire qualcuno a cui si è particolarmente legati, con cui si è condiviso un lungo percorso, con cui si è gioito per i tanti successi avuti insieme.  I medici si sentono impotenti perché tutto quello che la medicina gli ha insegnato, fino a quel momento, non gli consente la gioia più grande, quella di guarire un paziente. E’ essenziale non essere depressi e sfruttare la rabbia come momento di costruzione dell’alleanza con il medico. Secondo Marchetti "la psiconcologia è uno degli strumenti fondamentali da seguire, come Fondazione e come Aiom ci stiamo battendo per il riconoscimento della figura professionale dello psiconcologo".

Per lo psichiatra Vittorino Andreoli il tema della rabbia sta prendendo sempre più dimensione nelle attività mediche in generale. Viviamo nell’età della rabbia, in una società difficile che genera stimoli continui e frustrazioni, dove i criteri sono quelli del successo, del benessere, dell’essere in forma.

Leggi tutto: Psiconcologia. Uno studio promosso dalla "Fondazione per la medicina personalizzata"sulla rabbia:...

Eros e sue ombre, la mostra di Francesca Cesaroni alla Salita del Grillo.

E2FB1E40-57E8-43FB-A129-45AB4C753ED1.jpeg
0
0
0
s2sdefault

Francesca Cesaroni è una scultrice romana che nel 2006 ha abbandonato la professione di psicologa e psicoanalista junghiana, per ricominciare e dedicarsi esclusivamente alla pratica artistica. E bisogna dire che ci è riuscita con grande successo.

Gli spazi della Marisa del Re Temporary Gallery, all'interno di Palazzo Venier, nel cuore dello storico Rione Monti a Roma, sono il contesto ideale per “Eros e sue ombre”, la personale di Francesca Cesaroni che presenta per la prima volta al pubblico dieci sculture in bronzo, una in resina e una in argilla cruda, che dialogano e si confrontano con fotografie di grande formato, sempre realizzate dall'artista. Una delle sculture in bronzo, dal titolo Il Seminatore, è realizzata in versione a grandezza naturale e rappresenta un uomo che feconda la terra.La mostra propone un percorso espositivo che punta all’impatto emotivo e si snoda all'interno di cinque sale, ognuna delle quali rappresenta uno e tutti gli elementi dell'animo: fragilità, abbandono, fiducia, ossessione e attesa. L'unica scultura in argilla cruda rappresenta il volto di Eros, figura mitologica romantica e malinconica, rivisitata dall’artista in chiave contemporanea.Come racconta Francesca CesaroniEros come simbolo vivo, aperto, dinamico, impregna le sculture e in un gioco delle parti, fra passionalità e irruenza, delicatezza e sogno, il dio pagano si manifesta in modo tangibile tra le ombre sulle pareti. Eros è ciò che muove il mondo. Non è solo erotismo, interesse sensuale: è l'interesse verso ogni cosa, ogni passione è Eros. Quando irrompe nelle nostre vite ne siamo travolti, è uno stato di grazia, è superiore a qualsiasi altra forza interiore: trascina tutto con sé. E’ ciò che ci fa percepire e riconoscere che la nostra natura animale è al tempo stesso connessa con la divinità. Questo mi ha sempre incantato”.

Leggi tutto: Eros e sue ombre, la mostra di Francesca Cesaroni alla Salita del Grillo.

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting