Una donna eccezionale: Emma Carelli

Festa_del_Cinema_.jpg
0
0
0
s2sdefault

Come evento di pre inaugurazione della Festa del Cinema di Roma, è stato presentato al Teatro dell’Opera, un bel film sulla vita di Emma Carelli soprano e prima donna direttore di teatro nata a Napoli nel 1877. Il film intitolato “La Prima Donna” da un’idea di Carlo Fuortes e con la regia di Tony Saccucci ha celebrato questa diva del novecento che fiera del suo essere donna, ha incantato il pubblico di mezzo mondo e tenuto testa a uomini del calibro di Toscanini. A interpretarla Licia Maglietta che con la sua voce e il suo viso l’ha fatta rivivere con grande forza sullo schermo. Il film si avvale di interessantissimo materiale inedito tratto dagli archivi di Cinecittà e di Stato insieme a riprese originali; riviviamo così le atmosfere dei primi anni del ‘900 in un susseguirsi di immagini che, per gli amanti della storia, costituiscono un piacere straordinario.   La storia si dipana dagli esordi della Carelli fino ai successi come soprano prima in Italia e poi all’estero, soprattutto in Argentina e Brasile dove spesso tornò nell’arco della sua carriera. Poi, la scelta della direzione del Teatro Costanzi, quello che è attualmente il Teatro dell’Opera di Roma, che lei diresse dal 1912 al 1926. Un periodo molto lungo per un compito non certo facile che lei affronta con grande coraggio scontrandosi continuamente con un mondo tradizionalmente fatto da uomini. Anche con quello che fu suo marito, Walter Mocchi, di cui fu follemente innamorata, fu poi un rapporto difficile e molto contrastato sia nel privato che nel lavoro.

Leggi tutto: Una donna eccezionale: Emma Carelli

Teatro Brancaccio. "Aladin il musical geniale" Uno spettacolo da vedere in famiglia.

Z06_7433.jpg
0
0
0
s2sdefault

Un pomeriggio o una serata da condividere con i propri nipoti, un bel musical con una scenografia grandiosa ed effetti speciali veramente magici che incanteranno grandi e piccini.

Maurizio Colombi, regista, autore e attore, con Alessandro longobardi, direttore artistico del Teatro Brancaccio, tornano insieme per un nuovo grande family show: ALADIN il Musical Geniale con l’intento di replicare il grande successo di “Rapunzel il Musical”, “Peter Pan il musical” e “La Regina di Ghiaccio il musical” tutti ideati e diretti da Maurizio Colombi.Più di un family show, il nuovo musical, liberamente ispirato ad una delle più celebri novelle orientali de Le mille e una notte, ripercorre le avventure di Aladino e del genio della lampada, in un sontuosa ambientazione medio-orientale con alcune contaminazioni in stile Bollywood nelle musiche originali, negli arrangiamenti musicali, nelle coreografie e nei costumi.La scrittura del testo e delle musiche, la progettazione delle scene e dei costumi, la scelta del cast sono stati definiti da Maurizio Colombi e dell’oramai più che collaudato cast creativo composto da Alessandro Chiti per la scenografia, che prevede 24 cambi scena che appariranno e spariranno come d’incanto, avvalendosi di uno spettacolare disegno luci curato da Umile Vainieri. I quadri sveleranno paesaggi desertici, il sontuoso palazzo del Sultano, il balcone di Jasmine sul giardino del palazzo, il fervente mercato della città, la prigione, la bottega di Aladin, la meravigliosa e splendente grotta del tesoro e il romantico volo di Aladin e Jasmine sui tetti di Bagdad;

Leggi tutto: Teatro Brancaccio. "Aladin il musical geniale" Uno spettacolo da vedere in famiglia.

Il nuovo libro del prof. Giulio Maira: “Il Cervello è più grande del cielo”

Foto_libro_IMG_9723.jpg
0
0
0
s2sdefault

Bellissimo il nuovo libro di Giulio Maira, “Il Cervello è più grande del cielo” edito da Solferino.  Questo non soltanto perché è una miniera di informazioni molto interessanti sul funzionamento del cervello che vengono spiegate ai non addetti ai lavori in modo semplice e chiaro ma è anche ricco di esperienze di operazioni di neurochirurgia che vengono raccontate con una umanità straordinaria. Questa umanità direi che è il filo conduttore del libro anche quando le spiegazioni diventano più difficili. Dice il professore all’inizio del suo libro: ”La neurochirurgia è stata la passione che mi ha accompagnato per tutta la vita. Penso sia tra i lavori più affascinanti che si possano immaginare, ma allo stesso tempo è un lavoro impegnativo per l’enorme responsabilità che ogni operazione comporta; da come si muoveranno le mani del chirurgo dipenderà se la psiche o l’integrità fisica di quella persona, in pratica ciò che la caratterizza come persona, verranno preservate, se sarà come prima o no.” Poi, quasi prendendoci per mano, ci introduce in un viaggio nel mondo delle neuroscienze. Le cifre per darci un’idea del cervello sono quasi incredibili: “…consta di quasi cento miliardi di neuroni, la cosiddetta sostanza grigia, capaci di realizzare milioni di miliardi di connessioni.

Leggi tutto: Il nuovo libro del prof. Giulio Maira: “Il Cervello è più grande del cielo”

Bere il vino senza mal di testa. Il senza solfiti.

federico-fazzuoli-tini-IMG_3721.jpg
0
0
0
s2sdefault

Bere il vino senza mal di testa. Il senza solfiti.

Gli italiani mettono sempre di più nel loro carrello della spesa i prodotti bio. Sempre più spesso  nei supermercati si vedono mamme che leggono le etichette dei prodotti alla ricerca della garanzia della tracciabilità della filiera. Perché dire solo bio non basta.

Si stima che il mercato del biologico sia in forte crescita. Da un’analisi

della  Coldiretti  su dati Nielsen risulta per il primo quadrimestre 2018  un aumento dei consumi del 10,5% con un trend che è positivo da un decennio. Questo nonostante il costo di questi prodotti sia più alto.

Per quanto riguarda il vino biologico, vediamo prima di tutto  che cosa si intende con questo termine secondo il Regolamento europeo 203/2012. Un vino viene detto biologico quando proviene da uve 100% biologiche coltivate senza l’uso di sostanze  chimiche di sintesi e cioè concimi, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi  e senza la presenza di organismi geneticamente modificati. Inoltre, in cantina la vinificazione deve avvenire usando soltanto i prodotti autorizzati dal regolamento europeo che ha stabilito un limite all’uso dell’anidride solforosa totale. (per i rossi secchi di 100mg/l e per i bianchi secchi di 150mg/l). In pratica, nel linguaggio comune si parla di solfiti intendendo l’anidride solforosa e i solfiti che vengono impiegati in aggiunta a quelli naturali, per la preparazione e la conservazione degli alimenti. Le donne, in particolare, si lamentano del mal di testa che dà loro un vino che contiene troppi solfiti.

Leggi tutto: Bere il vino senza mal di testa. Il senza solfiti.

Benessere in pillole!

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Molti over vivono bene la loro età, spesso, grazie a pillole che prendono per diversi problemi  di salute cronici, tenuti sotto controllo con cure mirate.   Capita, infatti, di sentire persone over che dichiarano di stare in salute grazie a  sei o più pillole che prendono nell’arco della giornata, per mantenere nella norma il funzionamento degli organi. Da un punto di vista organico la cura ha la funzione di stabilizzare una condizione di benessere generale del corpo, ma da un punto di vista psicologico il numero delle pillole quotidiane da  assumere può  associarsi, comunque,  a una malattia che condiziona la vita quotidiana.  È evidente che la prospettiva  con cui si affronta una cura fa la differenza tra il  percepirsi bene o male, in salute o in malattia.  Sembra fin troppo ovvio che se una pillola consente di essere autonomi, autosufficienti  e agili si debba prendere senza troppe remore, però, la dipendenza da  salva vita quotidiani nel tempo può appesantire, al punto di far interrompere la cura, con gravi conseguenze.

Leggi tutto: Benessere in pillole!

Ali-ment-azione consapevole. A pranzo con Paolo Marchetti e Max Mariola

OREF6100.jpg
0
0
0
s2sdefault

Sabato scorso, presso la Casa Fluviale, nuova location del poliedrico ristorante Porto Fluviale, la Fondazione per la Medicina Personalizzata (FMP)  ha organizzato l’evento “ALI-MENT-AZIONE CONSAPEVOLE”. Uno show-cooking per sensibilizzare i pazienti oncologici e i loro familiari all’importanza di alimentarsi in modo sano anche per mitigare gli effetti indesiderati della chemioterapia. Lo chef mediatico Max Mariola, volto di Gambero Rosso Channel e di Rai Premium insieme al Prof. Paolo Marchetti hanno coinvolto un gruppo di pazienti oncologici e un loro familiare in un corso breve di cucina. E cosa hanno cucinato? Per antipasto una Parmigiana di Melanzane  seguita da una  Minestra di pesce, un’ Ombrina in umido, Bieta con noci e uvetta e come dessert Frutti di Bosco. Una master-class con l’obiettivo di aumentare conoscenza e consapevolezza degli effetti che gli alimenti, e il modo di prepararli, hanno nel contrastare e mitigare gli effetti collaterali della chemioterapia. Dice il prof. Paolo Marchetti: “ Il progetto di “ Ali-ment –azione Consapevole”, reso possibile da un sostegno non condizionante di Amgen, è stato quello di riportare la mente e la ragione all’interno  di un percorso alimentare che è quello  con il quale si confrontano i pazienti tutti i giorni, che insieme ai loro familiari ci chiedono sempre che cosa possono mangiare, se un determinato alimento fa male, se un altro fa bene…

Leggi tutto: Ali-ment-azione consapevole. A pranzo con Paolo Marchetti e Max Mariola

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting