Attualità

Come si vota alle regionali.

regione_lazio1.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il giorno 4 marzo agli elettori che andranno a votare per le politiche nel Lazio e nella Lombardia,  verrà consegnata anche una scheda per eleggere il presidente e il consiglio regionale. Con le nuove regole che si sono date queste  due regioni, viene eletto governatore il candidato che ha avuto più voti senza alcun ballottaggio (come avviene per i sindaci) mentre il candidato che arriva secondo viene immediatamente eletto nel consiglio regionale.

Per eleggere il governatore e i consiglieri regionali avremo un’unica scheda in cui ogni nome è accostato a un simbolo della lista o delle liste che lo appoggiano e potremo votare: solo per il candidato governatore e in questo caso il voto non si estende alle liste collegate, per il candidato governatore e la lista o le liste che lo appoggiano, solo per la lista preferita. In quest’ultimo caso il voto viene esteso al candidato governatore collegato alla lista prescelta.

Leggi tutto: Come si vota alle regionali.

Elezioni: ma come si vota? Prima puntata.

Foto-Camera.jpg
0
0
0
s2sdefault

Sento in giro molte persone che si fanno questa domanda e cercherò di spiegare cosa dovremo fare il 4 marzo. Prima di tutto si potrà votare soltanto domenica 4 marzo dalle ore 7.00 alle ore 23.00. In tutta Italia si voterà per le politiche e soltanto nel Lazio e in Lombardia per le regionali.

Iniziamo dalle politiche. Voteremo per la Camera e il Senato con una nuova legge, il Rosatellum. Dovremo ricordarci di portare la scheda elettorale e un documento valido.

Ci verranno consegnate  due schede, una rosa per la Camera e una gialla per il Senato.

Circa un terzo dei seggi tra Camera e Senato sarà eletto in confronti diretti nei collegi uninominali e i restanti due terzi saranno eletti con sistema proporzionale.

I partiti si possono presentare da soli o riuniti in coalizioni.

Leggi tutto: Elezioni: ma come si vota? Prima puntata.

L’ora più buia, un bel film su Winston Churchill diretto da Joe Wright

Churchill.jpg
0
0
0
s2sdefault

Siamo all’inizio della prima guerra mondiale nel maggio 1940 e i tedeschi hanno già iniziato la loro inarrestabile marcia verso ovest . La Norvegia è stata invasa, con gravi perdite di soldati imglesi e di mezzi. Churchill, appena eletto primo Ministro della Gran Bretagna dopo le dimissioni di Chamberlain, si trova davanti ad una scelta difficilissima: negoziare con i tedeschi un trattato di pacee fermando così un’eventuale invasione dell’Inghilterra o continuare la guerra per difendere gli ideali di libertà e indipendenza dell’impero britannico. Gli sono contro tutti, i suoi avversari politici ma anche il suo stesso partito al cui interno alcuni personaggi tramano per farlo cadere. Anche il re Giorgio VI sembra non mostrargli grande simpatia.

Leggi tutto: L’ora più buia, un bel film su Winston Churchill diretto da Joe Wright

La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato

La-figlia-femmina.jpg
0
0
0
s2sdefault

Un libro straordinario quello di questa giovane scrittrice di appena 28 anni. Confesso che il mio approccio è stato viziato dal solito giudizio superficiale e , in parte negativo , che riservo ai figli o figlie di genitori importanti e/o famosi che in questo periodo scrivono libri come fosse la cosa più usuale del mondo. Ma quello di Anna  Giurickovic Dato no.

Leggi tutto: La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato

Il Ministero della Solitudine

Foto-Anita-2.jpg
0
0
0
s2sdefault

Quasi non credevo ai miei occhi quando qualche giorno fa ho letto che Theresa May, Primo ministro inglese, ha istituito un Ministero della Solitudine nel Regno Unito. Confesso che mi è sembrata un’idea lungimirante e innovativa, soprattutto se presa da questa illustre signora molto conservatrice che ha avuto il coraggio di proseguire sulla strada aperta da Joe Cox, deputata laburista poi uccisa da un fanatico di centrodestra, che si è occupata a lungo del problema.Sono nove milioni gli inglesi che vivono in solitudine e sono soprattutto anziani: tra gli over 75 la metà e cioè circa due milioni di persone, vivono in solitudine. Bisognerebbe ammettere che un Minister of Loneliness andrebbe istituito anche da noi che siamo, insieme alla Germania e al Giappone in cima alla classifica dei paesi più ‘anziani’ del mondo. 

Leggi tutto: Il Ministero della Solitudine

Prevenire l’Alzehimer, le nuove scoperte

Attachment-1.jpeg
0
0
0
s2sdefault

Questa malattia non ha ancora una cura e colpisce oggi 47 milioni di persone che diventeranno 135 milioni nel 2050. In Italia ci sono 1,2 milioni di persone colpite da demenza, nella maggior parte dei casi sono  Alzheimer e ancora nessun segnale positivo su nuovi farmaci. Anzi la casa farmaceutica Pfizer ha interrotto le sperimentazioni che stava effettuando alla ricerca di un nuovo farmaco. Arrivano così a 400 le sperimentazioni su nuovi farmaci che sono state abbandonate nel mondo.

Leggi tutto: Prevenire l’Alzehimer, le nuove scoperte

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting