Salute e benessere

SILENZIO

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il silenzio, ponte tra il  pensiero  e la ricerca del senso.  Un momento per ascoltare l’essenza, per scegliere la nuova strada da percorrere in  una nuova stagione che avanza. Un attimo di silenzio per districarsi tra  le mille sollecitazioni che l’estate ha prodotto, per metabolizzarle, per decantarle e per far affiorare il meglio delle esperienze vissute  da conservare.  

Il silenzio è una pausa che consente il respiro e l’autunno alle porte lo facilita. Il respiro  sollecita l’espansione del cuore e della mente, con il suo andamento di apertura e chiusura aiuta a lasciare andare il vecchio, ciò che non serve più, e di accogliere il nuovo. Il silenzio e il respiro  insegnano  a leggere dentro se stessi oltrepassando gli  ostacoli delle incombenze quotidiane, ad avere la lucidità di fare ordine, evitando quei momenti di confusione che disorientano, e di sentirsi, quindi, leggeri. 

Leggi tutto: SILENZIO

ACQUA

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Nel cuore  della stagione estiva il desiderio più ricorrente è quello di  recarsi in prossimità di fonti d’acqua. Le vacanze si scelgono, spesso, vicino ai laghi, ai  fiumi  o  alle zone marine, forse,  perché il caldo richiama il desiderio di trovare refrigerio in luoghi dove  le particelle d’acqua inebriano l’atmosfera. L’acqua è un bene prezioso, insostituibile e primario per la sopravvivenza della vita, ma a volte dimenticato, perché  facilmente reperibile e  di conseguenza scontato. È un’ acquisizione ormai diffusa che l’essere umano  viva per nove mesi all’interno di un liquido che lo contiene  e lo protegge, lasciandolo fluttuare nella cavità uterina in libertà e pace, finché una cascata di stimoli lo conduce nella vita, seguendo il richiamo del mondo circostante. L’acqua, quindi, è vitale, produce energia al solo sguardo, perché si muove, non è mai uguale a se stessa, riflette i colori della Terra  e si ripropone sotto molteplici forme.  Gli esseri viventi  sono dipendenti dall’acqua,  non possono farne a meno e l’over ancora di più.

Leggi tutto: ACQUA

Vitamina D

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Da diversi anni si parla della vitamina D e della sua importanza nella prevenzione non solo dell’osteoporosi, ma anche di numerose altre malattie, tant’è che sempre più spesso  i medici prescrivono il controllo del livello ematico di questa vitamina.  La vitamina D è la vitamina del sole perché si sintetizza con la luce solare, anche se a volte  può non bastare la sola esposizione. In questa sede, però,  non è  dal punto di vista medico che ci interessa la vitamina, ma dal punto di vista psicologico. La vitamina D è l’unica, o una delle poche vitamine che non si mangia, ma si assorbe con la luce solare, quindi è la vitamina che  obbliga a stare all’aria aperta. Quale migliore invito, quindi, a uscire tutti i giorni per cercare la vitamina fuori di casa per Divertirsi a camminare al sole, per Dirigersi in spiaggia, per  Diversificare la routine quotidiana, per  Donarsi alla vita con gli altri? È una vitamina da inseguire, da cogliere dai raggi solari come frutto di un albero, da respirare nel calore del camino solare e, soprattutto, da regalare a se stessi ogni giorno. 

Leggi tutto: Vitamina D

Temporale estivo

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il temporale estivo è un evento atmosferico  che dura poco tempo, ma colpisce per la sua dirompenza e  per il potere devastante. A volte  nell’arco di dieci o quindici minuti una  rovinosa bomba d’acqua si abbatte al suolo,  ma poi,   come per incanto, raggi di sole squarciano le nubi  e risucchiano l’acqua caduta. Naturalmente, l’evento meteorologico è psicologicamente una metafora per  riflettere su eventi, interni o esterni, che nella vita accadono, oscurano l’orizzonte, ma che poi, inaspettatamente,  lasciano  di nuovo intravedere la luce del sole. Il grigio del cielo carico di pioggia evoca tristezza, ma anche inquietudine, è come avere pensieri e preoccupazioni che incombono senza conoscerne  l’entità, producendo uno stato ansiogeno che trova la sua risoluzione con la scrosciante e assordante pioggia.     A differenza di una condizione psicologica depressiva  costante, che può essere paragonata a una pioggia estenuante continua, quasi una monotona cantilena che  ipnotizza la mente, rendendola impotente a trovare una via d’uscita, il temporale estivo  produce uno scuotimento psico-fisico che  risveglia la psiche  con cariche elettrizzanti  e impone un nuovo registro di marcia.

Leggi tutto: Temporale estivo

Il Ventaglio di Psiche

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Nei mesi caldi, spesso, si desidera che spiri qualche alito di vento per rendere meno roventi le temperature estive, ma non sempre il desiderio è esaudito, così  si ricorre alla ventilazione prodotta artificialmente. Il vento, caldo o freddo che sia,  è un elemento della Natura che può essere gradevole, fastidioso o inquietante. La tolleranza al vento dell’essere umano non è la stessa per tutti, c’è chi lo ama per  la sua forza dirompente che spazza via nuvole e pensieri e chi, invece, lo teme perché evocativo di tempeste minacciose incombenti.  In ogni caso, il vento, percettibile o impercettibile,  sembra essere  espressione di uno stato d’animo.  L’assenza di vento produce ristagno dell’aria e nulla si muove, mentre la presenza di vento  attiva il movimento e porta  via tutto. È, a questo punto, facile associare l’attività del vento all’attività della mente, che produce pensieri che rischiano di ristagnare se  non si alza il vento del cambiamento.

Leggi tutto: Il Ventaglio di Psiche

…..SPECCHIO DELLE MIE BRAME……

0
0
0
s2sdefault

Chi non ricorda questa richiesta  fiabesca della regina di Biancaneve allo specchio magico?

Lo specchio, che riflette l’immagine che si propone, dice sempre la verità?  Potremmo rispondere  che dipende dalle aspettative di ognuno.  Per quanto lo specchio possa essere oggettivo nel suo riflesso, l’occhio interno di chi guarda proietta  l’immagine  costruita psicologicamente, che poco ha a che fare con quella esterna. Nel primo anno di vita  del bambino, lo psicoanalista francese Jacques Lacan   riscontrò una fase definita dello specchio, in cui il bambino riconosce se stesso, iniziando a collocarsi nel mondo con una sua identità psicologica in costruzione. Dalla fase dello specchio in poi, l’essere umano  riconosce se stesso in quella dimensione riflessa,  cercando di non  cadere  nell’inganno  in cui  inciampò il personaggio mitico di Narciso, che rimase imbrigliato nella fascinazione di se stesso e nell’amore mortifero che ne seguì. 

Leggi tutto: …..SPECCHIO DELLE MIE BRAME……

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting