CHRISTO SUL LAGO D'ISEO

0
0
0
s2sdefault

Centinaia di persone sono ancora all'opera per ultimare l'installazione monumentale di Christo sul lago d'Iseo: un pontile costituito da 200,000 blocchi in polipropilene di 50 x 50 x 40 centimetri, collegati tra loro per formare 32 moduli di 100 x 16 metri, fissati al fondale profondo fino a cento metri. Per questa delicata operazione di fissaggio, una squadra di subacquei professionisti ha messo in sicurezza 150 ancore del peso di 7 tonnellate. Infine, 70,000 metri quadri di tessuto giallo cangiante copriranno l'intera superficie dell'installazione. La stoffa, realizzata in Germania, sarà stesa in modo da formare delle increspature che simulino le onde del lago.

Il costo dell'operazione, come sempre interamente autofinanziata dall'artista grazie alla vendita di schizzi e disegni preparatori, è di una quindicina di milioni. Una volta smontata l'opera, tutto il materiale sarà riciclato, ma chi avrà partecipato all'iniziativa riceverà in regalo, previa prenotazione, 7 x 7 cm di tessuto giallo. L'opera sarà fruibile a partire da sabato 18 giugno per soli 16 giorni: “un percorso libero e gratuito e accessibile 24 ore su 24, tempo permettendo.” “Non ci saranno prenotazioni, né biglietti, né proprietari. La passerella è un’estensione della strada e appartiene a tutti”, dichiara Christo sulla sua pagina Facebook. Al Museo di Santa Giulia di Brescia, la mostra “Christo and Jeanne-Claude. Water Projects”, a cura di Germano Celant, in collaborazione con lo studio dell'artista, presenta i progetti di Christo e Jeanne-Claude in relazione all'elemento acqua. Più di 150 pezzi, tra studi, disegni, collage, modellini in scala e materiale documentario tra cui fotografie e video dei progetti realizzati, ripercorrono il lavoro della celebre coppia dai primi anni Sessanta a oggi. Le opere di Christo e Jeanne-Claude, al confine tra scultura, pittura, architettura, land art e happening, sono installazioni effimere, realizzate ad hoc su vasta scala per un sito specifico. Valley Curtain in Colorado (1970–72), Running Fence in California (1972–76), The Pont Neuf Wrapped a Parigi (1975–85), Wrapped Reichstag a Berlino (1972–95) e The Gates a Central Park, New York (1979–2005), hanno il solo scopo di offrire gratuitamente al pubblico un'esperienza nuova della realtà naturale e costruita, occultandola, paradossalmente, con un suggestivo "impacchettamento". Il rapporto dei due artisti con l'Italia risale al 1963, quando furono ospiti delle gallerie Apollinaire di Milano, La Salita a Rome e Il Leone di Venezia. Durante il soggiorno romano, Christo "impacchettò" una delle statue nel giardino di Villa Borghese e nel 1967 propose di fare lo stesso con Ponte Sant'Angelo. Il progetto di impacchettamento della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, in occasione della mostra dedicata a Christo e Jeanne-Claude, fu annullato nel 1968. Due anni dopo, nel 1970, toccò ai monumenti di Vittorio Emanuele II in Piazza Duomo e di Leonardo in Piazza della Scala a Milano. L'ultimo intervento italiano della celebre coppia riguarda ancora una volta la città di Roma, dove impacchettarono una porzione delle Mura Aureliane in occasione della mostra "Contemporanea", curata da Achille Bonito Oliva nel parcheggio sotterraneo di Villa Borghese. I loro progetti, che si sviluppano attraverso il dialogo con il pubblico nell'arco di molti anni, hanno ridefinito il significato stesso di opera d'arte. Ciò che importa non è l'oggetto finito, ma il lungo processo di progettazione, confronto, mediazione, finanziamento e realizzazione collettiva dell'intuizione visionaria dei due artisti. "Un grido di libertà", come ha suggerito Jeanne-Claude, scomparsa nel novembre 2009.

GIOVANNA FAZZUOLI
8 GIUGNO 2016

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting