Attualità

ABC del vino e dell’olio.

Foto-A.jpg
0
0
0
s2sdefault

Quando andiamo al ristorante e portano la carta dei vini, c’è sempre uno dei commensali che si autoproclama un esperto. Ovviamente è sempre un uomo. Consiglio a entrambi, uomini e donne,  di comprare questo libro “ABC del vino e dell’olio”, Bibenda Editore, che è in vendita on line. Magari come un insolito regalo di Natale. L’inizio è dedicato a come viene fatto il vino: si parte dal mosto per arrivare alla fermentazione alcolica, poi a quella malolattica che avviene nella primavera successiva alla vendemmia e infine viene spiegata la vinificazione e la maturazione. Ma veniamo alle curiosità che  interessano i profani. Lo sapevate che, nonostante il vino sia composto per più dell’80% da acqua, in ogni bicchiere di vino ci sono più di 600 sostanze diverse?  Il vino viene sempre degustato tenendo il bicchiere a calice per il gambo, senza mai toccare con la mano la parte superiore del bicchiere perchè questo contatto cambierebbe la temperatura del vino alterandone il sapore. Il discorso della temperatura è molto interessante. Molti noi, per esempio, d’estate amano il vino  bianco molto freddo, anzi alcuni  mettono nel bicchiere il ghiaccio, cosa assolutamente da evitare.

Leggi tutto: ABC del vino e dell’olio.

Rosanna Lambertucci, La Nuova Dieta 4 più 1 – 4 più 1

Lambertucci-2.jpg
0
0
0
s2sdefault

E’ arrivata in libreria la nuova dieta di Rosanna Lambertucci, giornalista, scrittrice, autrice e conduttrice di programmi televisivi  e radiofonici.  Come sempre Rosanna ci sorprende e ci convince perchè non solo ci aiuta a dimagrire ma pensa al nostro benessere psicofisico.

E’ un po’ come se l’autrice fosse una di noi perchè riesce a focalizzare non le malattie ma i tanti piccoli disturbi che accompagnano la nostra vita come la stanchezza eccessiva, il mal di testa, la pancia gonfia, l’intestino che non funziona come dovrebbe.  In prima pagina c’è una sorta di sottotitolo: per dimagrire, per rigenerare, per depurare. La prima cosa che mi ha colpito è come ha spazzato via i vecchi capisaldi di quasi tutte le diete in circolazione: niente proteine né di carne né di pesce.  In questo viaggio l’ha accompagnata il dott. Corrado Pierantoni endocrinologo e nutrizionista clinico. La dieta dura trenta giorni ed è divisa in tre fasi di dieci giorni ciascuna: depurazione, reinserimento e fase di recupero. Conoscendo noi donne spesso poco costanti nel seguire regimi alimentari troppo restrittivi, Rosanna ci lascia la possibilità di seguire anche soltanto la prima fase di depurazione che sarà comunque utile per disintossicare il nostro organismo e migliorare le funzioni del fegato, la digestione dei cibi e il loro assorbimento migliorando così le capacità intestinali. Ogni fase della dieta consiste in  4 giorni ovo-latto-vegetariani seguiti da un giorno vegano ed è, come sempre,  spiegata giorno per giorno con l’aiuto  delle ricette dello chef Fabio Campoli.

Leggi tutto: Rosanna Lambertucci, La Nuova Dieta 4 più 1 – 4 più 1

UNA VALVOLA PER LA VITA

LuigiChiarielloClinicaMediterranea.jpg
0
0
0
s2sdefault

E' stato calcolato che circa un milione di italiani ha una qualche patologia alle valvole cardiache e un over 65 su dieci ne è affetto.

Le valvole cardiache sono: mitralica, aortica, tricuspide e polmonare. La loro funzione fondamentale è quella di fare affluire e defluire il sangue dalle camere cardiache, mantenendo la unidirezionalità del flusso sanguigno. Con il tempo le valvole, in particolare la mitralica e l’aortica, meno frequentemente la tricuspide e, ancor meno, la polmonare, possono talora non funzionare più al meglio.

La patologia più comune per la valvola aortica è la stenosi ossia un restringimento dell’orificio valvolare, che diviene spesso per usura e invecchiamento dei tessuti severamente calcifico. La malattia più frequente della mitrale è invece l’insufficienza valvolare, cioè l’incontinenza della valvola.

Ci sono però molte altre patologie. Fermiamoci sulla valvola aortica e

facciamoci spiegare cosa le accade con l’età dal professor Luigi Chiariello , Direttore clinico scientifico del Centro Cuore della Mediterranea di Napoli, un’eccellenza ospedaliera italiana di alta specialità che promuove da diversi anni importanti simposi sui progressi della cardiochirurgia, cui partecipano professori ed esperti provenienti da tutto il mondo.

Il simposio che si è svolto qualche giorno fa, aveva un titolo molto allettante: “ A Futuristic Vision of Aortic Valve Replacement”.

Leggi tutto: UNA VALVOLA PER LA VITA

Storia di un cavallo.

zebra.JPG
0
0
0
s2sdefault

Quando pensiamo ad un cavallo ci viene in mente il suo portamento fiero, la sua agilità e potenza nelle gare che vediamo in televisione, la bellezza del suo corpo e  quel nitrire in cui sembra affermare tutta la sua indipendenza. La storia di Zebra,  cavallo avelignese allo stato semi brado che ha sempre vissuto nella campagna  toscana è un po’ diversa. All’inizio aveva la madre e altre  cavalle con cui condividere la sua vita poi, con il passare degli anni, sono rimaste in due, lei e Jarab una cavallina più giovane che è un incrocio tra un cavallo arabo e una cavallina della giara di Gesturi in Sardegna. Zebra, ormai molto anziana, era però sempre la prima a venire incontro alla macchina  al nostro arrivo  e la prima che a mangiare le mele e il pane. Lei era il capo e l’altra aspettava dietro il suo turno.  Poi Zebra ha cominciato a stare male e in pochi giorni una colica se l’è portata via.  Ma i suoi ultimi giorni di vita sono stati strazianti. Appoggiava il muso sulla spalla di Federico quasi chiedendo aiuto e lo seguiva ovunque fino a presentarsi davanti alla porta di casa come per chiedere di entrare.  Già perchè la nostra casa prima dei lavori di restauro era  un rudere in cui i cavalli, lasciati liberi,  cercavano un po’ di fresco dalla calura estiva.

Leggi tutto: Storia di un cavallo.

I Disegni di Sergio Bracco: Roma insolita

IMG_7113.jpg
0
0
0
s2sdefault

Sergio Bracco, architetto,  ha insegnato nelle Facoltà di Architettura di Palermo, Venezia e Roma La Sapienza ed è autore di numerose pubblicazioni sulla grafica, la Storia dell’Architettura, giochi di simulazione  per la pianificazione urbana   e, mi piace ricordare, di un libro  “Roma disegni di un curioso” in cui ci invita a passeggiare per la città  dove nell’introduzione dice: “"Camminare per Roma è un regalo. Ma non deve essere una frettolosa rincorsa di obiettivi commerciali o legati al lavoro o altri compiti. Si deve percorrere un tracciato ondivago e casuale.... Lo sguardo, con le dovute eccezioni di sicurezze salvavita, va rivolto in alto o nei punti più nascosti. Allora le sorprese sono tantissime.

Leggi tutto: I Disegni di Sergio Bracco: Roma insolita

Non tutte super donne over 65

IMG-20181015-WA0000.jpg
0
0
0
s2sdefault

Sempre più spesso sui giornali e anche in convegni   di rilevanza nazionale, ci vengono presentati modelli di donne super di tutte le età: intelligenti, belle, combattive e in grande forma fisica e dello spirito. Io ne sono sempre stata affascinata e anche dalle pagine di questo settimanale,  insieme alla redazione, abbiamo sempre invitato donne e uomini a ‘non mollare’, a non cedere,  a non considerare l’età come un limite che ci rinchiude a casa facendoci rinunciare ad una vita attiva e di soddisfazione personale. Quindi abbiamo consigliato sempre cura del corpo e della mente, un lavoro magari diverso da quello precedente e più adatto all’età, attività fisica e della mente e attività sociale intensa. Ma non tutti ci riescono perchè l’età porta anche maggiore stanchezza, qualche malattia che arriva e non è facile rimettersi in gioco quando sono spariti tutti gli impegni lavorativi, le relative amicizie e la vita privata è cambiata magari per l’arrivo dei nipoti e l’impegno di fare i nonni. La maggior parte delle testimonianze da noi raccolte sottolinea la stanchezza e la mancanza di forza fisica che non è più quella di una volta. Racconta Anna C: “Non so come prima riuscivo a lavorare e insieme a portare a termine tutti gli impegni relativi  ai nipoti e alla casa come  spesa, tintoria, lavapiatti che si rompe con relativa visita del tecnico, continue richieste di ricette al medico della mutua, bollette e multe da pagare... per non parlare delle visite ai genitori di mio marito o la cura di mia madre  che ormai non sta più bene. Mi sento oppressa da mille incombenze che non mi danno quella soddisfazione personale che avevo prima e, a volte, non riesco nemmeno a ritagliarmi uno spazio per il mio pilates e sto parlando di due ore alla settimana...”

Leggi tutto: Non tutte super donne over 65

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting