LA SPESA DIVENTA CONSAPEVOLE

0
0
0
s2sdefault

Pochi giorni fa è stato presentato dal presidente del Censis Giuseppe De Rita e dal presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo uno studio, in occasione della due giorni, 17 e 18 ottobre del 14° Forum Internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione a Cernobbio, in collaborazione con lo Studio Ambrosetti. Coldiretti rileva che: ”Nel dettaglio oltre 12,3 milioni di famiglie italiane di fronte alla crisi hanno deciso di ridimensionare gli sprechi nei propri consumi alimentari (48,1%), mentre 3,1 milioni hanno dovuto tagliare i consumi essenziali (12,3%). Per quasi 9,5 milioni di famiglie italiane (36,7%), peraltro, la crisi ha lasciato i consumi alimentari grosso modo invariati, mentre sono 468mila le famiglie che dichiarano di averli aumentati (1,8%)”.

Dai dati emersi, purtroppo si nota che aumentano in maniera esponenziale gli italiani che non riescono a nutrirsi in modo adeguato. Dall’inizio del periodo di crisi hanno iniziato prima a “tagliare” i beni meno necessari, abbigliamento, vacanze, cultura, spese mediche, ristoranti e ora sono arrivati a risparmiare anche sul cibo, cercando di ridurre al minimo gli sprechi e orientandosi verso prodotti low cost.
Purtroppo sono 11 milioni quelli che non possono permettersi un pasto proteico almeno ogni due giorni. Gli effetti in questo caso, non sono del tutto negativi, si è verificato un ritorno alle origini, “la spesa diventa consapevole” spiega il presidente del Censis, si torna a una cucina “povera”, un italiano su tre fa scorte quando ci sono offerte promozionali, si comprano pesci poveri, alcuni si scrivono prima di andare al supermercato la lista onde evitare di essere travolti da prodotti inutili, da offerte speciale non sempre necessarie, altri tornano a casa a pranzo pur lavorando fuori.
Sicuramente per l’economia italiana è una situazione favorevole il fatto che non venga sprecato cibo, favorendo anche la tutela dell’ambiente. Allora di questi tempi faremmo tutti bene a riscoprire i piatti poveri della tradizione che costano poco e ci ricordano per un momento le nostre nonne, sperando presto di poter ricominciare ad abbondare con le pietanze più prelibate!

Beatrice Viola
21 ottobre 2014

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting