Attualità

L’ora più buia, un bel film su Winston Churchill diretto da Joe Wright

Churchill.jpg
0
0
0
s2sdefault

Siamo all’inizio della prima guerra mondiale nel maggio 1940 e i tedeschi hanno già iniziato la loro inarrestabile marcia verso ovest . La Norvegia è stata invasa, con gravi perdite di soldati imglesi e di mezzi. Churchill, appena eletto primo Ministro della Gran Bretagna dopo le dimissioni di Chamberlain, si trova davanti ad una scelta difficilissima: negoziare con i tedeschi un trattato di pacee fermando così un’eventuale invasione dell’Inghilterra o continuare la guerra per difendere gli ideali di libertà e indipendenza dell’impero britannico. Gli sono contro tutti, i suoi avversari politici ma anche il suo stesso partito al cui interno alcuni personaggi tramano per farlo cadere. Anche il re Giorgio VI sembra non mostrargli grande simpatia.

Leggi tutto: L’ora più buia, un bel film su Winston Churchill diretto da Joe Wright

Prevenire l’Alzehimer, le nuove scoperte

Attachment-1.jpeg
0
0
0
s2sdefault

Questa malattia non ha ancora una cura e colpisce oggi 47 milioni di persone che diventeranno 135 milioni nel 2050. In Italia ci sono 1,2 milioni di persone colpite da demenza, nella maggior parte dei casi sono  Alzheimer e ancora nessun segnale positivo su nuovi farmaci. Anzi la casa farmaceutica Pfizer ha interrotto le sperimentazioni che stava effettuando alla ricerca di un nuovo farmaco. Arrivano così a 400 le sperimentazioni su nuovi farmaci che sono state abbandonate nel mondo.

Leggi tutto: Prevenire l’Alzehimer, le nuove scoperte

“Un cannolo per lo sceicco”, storia del cannolo siciliano.

Copertina-libro.jpg
0
0
0
s2sdefault

Un libro che è quasi una favola, di Alessandra Oddi  Baglioni. Alessandra Oddi Baglioni, una donna con una storia importante. Discendente da due famiglie nobili che hanno fatto la storia dell’Umbria, ha studiato Giurisprudenza all’Università ‘Sapienza di Roma, laureandosi con una tesi in Diritto Comparato, su un tema ambientale, allora assolutamente innovativo, che metteva a confronto la common law di stampo anglosassone con il diritto romanista, sul versante delle immissioni di fumi inquinanti a cui seguì una specializzazione a Strasburgo sullo stesso tema. Primo lavoro all’ Eni dove ha ricoperto una serie di incarichi per i rapporti istituzionali con i Governi italiani e le istituzioni europee, operando per molto tempo da Bruxelles. La sua vita cambia completamente con l’improvvisa e tragica morte dei suoi genitori che le lasciano in eredità una azienda agricola.

Leggi tutto: “Un cannolo per lo sceicco”, storia del cannolo siciliano.

Due belle mostre alla Nuova Pesa

Leila mirzakhani.jpg
0
0
0
s2sdefault

La Nuova Pesa è nata nel 1959 a Roma, in via Frattina, dall’iniziativa di Alvaro Marchini un imprenditore che, spinto da una passione personale, creò uno spazio per l’arte contemporanea di richiamo internazionale. Ben presto la Nuova Pesa diventò l’ambiente più aggiornato del realismo grazie a direttori importanti, critici come Antonello Trombadori e pittori del calibro di Renato Guttuso. Partecipavano all’attività espositiva anche poeti, letterati e registi che contribuivano alle iniziative della galleria anche con testi per i cataloghi, tra cui Roberto Rossellini, Italo Calvino, Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini, Giuseppe Ungaretti. Quando la Galleria si trasferì in Via del Vantaggio la prima mostra fu su Pablo Picasso seguita da Rosai, Manzù, Sironi e tanti altri. Fu un successo dopo l’altro fino al 1976, anno in cui la Galleria chiuse. Ma dopo dieci anni, nel 1985, la figlia, Simona Marchini, attrice di grande successo, riapre in Via del Corso 530 con l’idea di valorizzare e proseguire il percorso del padre continuandone la scelta di contribuire all’incontro di diverse discipline artistiche. La sua grande sensibilità e il suo senso estetico la portano ad esplorare territori nascosti e nuovi e le persone più diverse accorrono per conoscere le novità esposte come due mostre attualmente in corso e completamente diverse: “Scorrere” dell’iraniana Leila Mirzakhani e “The in-between” di Miranda Pissarides giovane artista di origini italiane e cipriote e di educazione inglese.

Leggi tutto: Due belle mostre alla Nuova Pesa

La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato

La-figlia-femmina.jpg
0
0
0
s2sdefault

Un libro straordinario quello di questa giovane scrittrice di appena 28 anni. Confesso che il mio approccio è stato viziato dal solito giudizio superficiale e , in parte negativo , che riservo ai figli o figlie di genitori importanti e/o famosi che in questo periodo scrivono libri come fosse la cosa più usuale del mondo. Ma quello di Anna  Giurickovic Dato no.

Leggi tutto: La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato

Viterbo e Alessio Paternesi

DSC_7342.jpg
0
0
0
s2sdefault

Viterbo nella Tuscia e cioè nell’alto Lazio, è una incantevole cittadina nota anche come Città dei Papi in quanto fu sede papale per 24 anni a partire da Papa Alessandro IV che, nel 1257, decise il trasferimento a causa del clima ostile di Roma. Il centro sorico medievale è fatto di piccole strade che si affacciano improvvisamente su grandi spazi come Piazza del Plebiscito che fu aperta nel XIII secolo, dopo che Viterbo era diventata sede del Papato. Sul lato nord occidentale della grande piazza sorge il bellissimo Palazzo dei Priori . Ed è proprio qui, nella Sala Regia con i suoi magnifici affreschi della fine del ‘500 che il Comune di Viterbo ha voluto rendere omaggio al Maestro Alessio Paternesi in occasione dei suoi ottanta anni. Lui ci accoglie all’ingresso, un uomo alto, di nobili tratti, con un grande sorriso sincero. Alessio Paternesi a soli 22 anni partecipò alla VIII Quadriennale di Roma nel 1959, a cui seguì la partecipazione ad altre 3 edizioni. Nel 1962 la sua prima personale alla galleria “La Pantera” di Lucca. Da allora l'attività del maestro si è fatta molto intensa, sia in Italia che all'estero, con numerose mostre personali e partecipazioni a premi e collettive. Per un lungo periodo, ha esposto in numerose gallerie negli Stati Uniti, ed in molti paesi europei. Negli anni ’90 ritorna a Viterbo.

Leggi tutto: Viterbo e Alessio Paternesi

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting