ADDIO AL SALE

0
0
0
s2sdefault

Secondo un recente studio americano la cefalea si può contrastare iniziando dalla tavola, la John Hopkins University ha scoperto che può diminuire di un terzo riducendo l’apporto di sale circa la metà di un cucchiaio da tè. Lo studio si basava su 400 persone cui è stata assegnata casualmente o una dieta con pochi grassi e ricca di frutta e ortaggi o una tipica dieta occidentale. I partecipanti hanno mangiato il cibo con circa nove grammi di sale al giorno. Per gli studiosi, tagliare la quantità di sale riduce i mal di testa perché abbassa la pressione sanguigna, ma anche le persone senza problemi di pressione hanno osservato una riduzione degli episodi nel momento in cui hanno ridotto la quantità di sale assunta, dimezzando il sale, il mal di testa si è ridotto del 31%.

In ogni caso, è stato provato che passare da una dieta sana a una meno sana non ha alcun effetto sul dolore specifico, secondo gli esperti. Nello specifico Lawrence Appel, tra gli autori dello studio, ha potuto constatare che "il ridotto apporto di sale è riuscito ad arginare il problema mentre i regimi alimentari non hanno avuto alcun effetto. Ridurre il sale può essere un nuovo approccio per ridurre il mal di testa". Il sodio come tutte le cose bisogna assumerlo con moderazione ”è un minerale essenziale e di vitale importanza, per mantenere l’organismo in equilibrio, questo perché il sodio interagisce con tutte le funzioni vitali”, un eccesso di sale però oltre a causare mal di testa secondo tutti i medici “nuoce gravemente alla salute dei reni e favorisce la ritenzione idrica e ipertensione”. Quindi via libera, a una dieta sana, gustosa e ben bilanciata! Beatrice Viola 4 aprile 2017

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting