…..SPECCHIO DELLE MIE BRAME……

0
0
0
s2sdefault

Chi non ricorda questa richiesta  fiabesca della regina di Biancaneve allo specchio magico?

Lo specchio, che riflette l’immagine che si propone, dice sempre la verità?  Potremmo rispondere  che dipende dalle aspettative di ognuno.  Per quanto lo specchio possa essere oggettivo nel suo riflesso, l’occhio interno di chi guarda proietta  l’immagine  costruita psicologicamente, che poco ha a che fare con quella esterna. Nel primo anno di vita  del bambino, lo psicoanalista francese Jacques Lacan   riscontrò una fase definita dello specchio, in cui il bambino riconosce se stesso, iniziando a collocarsi nel mondo con una sua identità psicologica in costruzione. Dalla fase dello specchio in poi, l’essere umano  riconosce se stesso in quella dimensione riflessa,  cercando di non  cadere  nell’inganno  in cui  inciampò il personaggio mitico di Narciso, che rimase imbrigliato nella fascinazione di se stesso e nell’amore mortifero che ne seguì. 

 Lo specchio è un confine insuperabile che conferma e smentisce  qualunque domanda gli si ponga, ma importante è non esserne schiavi! I giovani si specchiano spesso e ovunque, ma gli over? Il rapporto con lo specchio degli over è discreto, mai enfatizzato, l’uso è essenziale alla necessità, quasi nel bisogno di sottrarsene velocemente.  Ciò che l’over non desidera vedere non sono i segni del tempo che passa, ma lo sguardo che lo specchio restituisce, spesso intriso della vita trascorsa, come una narrazione  delle vicende vissute piacevoli e spiacevoli,  nella quale non  vuole indugiare per  guardare altrove, oltre il rimpianto, la nostalgia e il tempo. Lo specchio degli over riflette la vita, quella vissuta e quella pensata, ma anche quella ancora da vivere, per non dimenticare che il paese delle meraviglie è ancora da esplorare.     

 

Sira Sebastianelli

psicologa-psicoterapeuta

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting