Happy Birthday Mr SMS!

happy_birthday_mr_sms_intro.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il 3 dicembre 1992 Neil Papworth, giovane ingegnere impiegato presso la britannica Sema Groups Telecoms, inviò con il computer, i cellulari all’epoca non avevano la tastiera, il primo SMS della storia al dirigente della Vodafone Richard Jarvis. Il testo, solo di due parole, “Merry Christmas”, rivoluzionò per sempre il nostro modo di comunicare. Inizialmente era stato progettato per essere utilizzato come un cercapersone. Secondo gli psicologi sostituisce il parlarsi a voce, che in alcuni casi può essere più impegnativo e costrittivo, al contrario dello scritto che mette della distanza e permette di mantenere un contatto. Il paradiso, insomma, per le persone timide! Ma attenzione può anche aumentare l’ansia nel caso in cui non si riceva subito una risposta.

Basta guardarsi intorno e vedere quanti camminano con la testa reclinata sul telefono, intenti a scrivere messaggi professionali, di gestione familiare, di appuntamenti per il weekend, d’amore. E vogliamo parlare del linguaggio utilizzato? Praticamente un derivato dell’alfabeto farfallino di quando eravamo piccoli, un gioco linguistico per bambini, una specie di codice segreto concentrato in 160 caratteri. Trasformiamo le parole, le abbreviamo, inventiamo dei nuovi segni, nuovi simboli pittografici come gli emoji, che portano allegria nei nostri SMS. E’ entrato a far parte della nostra cultura sottolineando anche avvenimenti importanti. In Francia dopo gli attentati del 13 novembre 2015, il magazine “Society” utilizzo un SMS su fondo nero come copertina ed anche il magazine inglese “Stylist”, nel giugno 2017, lo mise in copertina prima del referendum per la Brexit , In alcuni casi si utilizza anche in tribunale come prova. E poi vogliamo mettere tutti gli SMS divenuti di pubblico dominio per il loro contenuto? Pochi caratteri, ma quanta responsabilità. Secondo l’Agcom, in Italia, da gennaio 2017 gli SMS inviati sono stati 10,1 miliardi. Facebook ha effettuato una ricerca per i venticinque anni del SMS in cui si dice che l’80% degli adulti e il 91% degli adolescenti ogni giorno, nel mondo, inviano messaggi. Anche se gli siamo molto affezionati possiamo dire che è oramai un caro vecchio amico, quasi vintage… E’ sempre più soppiantato dalle più recenti piattaforme di comunicazione come, WhatsApp, Messenger, Twitter e Instagram utilizzato dai più giovani.

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting