Welfare e non autosufficienza.

long-term-care.jpg
0
0
0
s2sdefault

Il welfare di cui tanto si parla sui giornali e in tv, altro non è che il benessere che la Commissione Salute dell’Osservatorio europeo su sistemi e politiche per la salute ha proposto di definire come “lo stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale di ben-essere che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società". Una definizione ampia e incoraggiante che in Italia si scontra contro una realtà sanitaria e di assistenza che, soprattutto per i malati a lungo termine, risulta tristemente insufficiente. Sul Corriere della Sera di qualche giorno fa, Ferruccio De Bortoli ha analizzato in un articolo illuminante  la situazione italiana con estrema accuratezza, dovizia di dati e confronti tra la situazione italiana e quella di altri paesi europei. Il titolo dell’articolo era “Gli anziani non sono un peso” e già tutti gli over 65 hanno tirato un respiro di sollievo se non altro per la querelle che si è scatenata sulla stampa in questo ultimo anno sul peso che l’invecchiamento della popolazione riverserà sui giovani. De Bortoli  focalizza il suo articolo sui pesanti dati della non autosufficienza che è destinata a crescere in maniera preoccupante e a cui il Servizio sanitario nazionale non potrà far fronte. Ma qualche soluzione esiste come per esempio l’ausilio di altre forme di assistenza anche privata. E qui De Bortoli mette in evidenza il fatto che in Italia non esiste una forma di assicurazione obbligatoria sulla non autosufficienza come in altri paesi europei.

 Ma escludendo l’obbligatorietà, si possono istituire incentivi a forme di assicurazione nei diversi fondi previdenziali integrativi così come hanno già fatto per esempio avvocati e commercianti con premi annuali veramente modesti. Sinceramente mi si è aperto un mondo. Su questo sito cerchiamo di incoraggiare gli over 65 a continuare a lavorare, a fare attività fisica, a viaggiare, a non rinunciare ad una vita sociale sempre pensando a persone che stanno ancora bene. Il Long Term Care non è stato mai tra i nostri temi ma invece va affrontato perchè è un problema serio con cui lo Stato dovrà fare i conti, perché non tutti possono permettersi un’assicurazione, perché ci sono forti disparità nell’assistenza tra le varie regioni e perché può toccare da vicino tutti noi.