“La misura del tempo” di Gianrico Carofiglio

Gianrico_Carofiglio.jpg
0
0
0
s2sdefault

Carofiglio non tradisce mai e anche questo libro, arrivato secondo al premio Strega 2020, non lo fa. Naturalmente al centro c’è una vicenda giudiziaria. L’avvocato  Guido  Guerrieri  viene chiamato  a difendere Jacopo Cardace, giovane accusato di omicidio. Lo cerca e quasi lo implora di difenderlo la madre del ragazzo Lorenza, forse la prima donna di cui si era seriamente innamorato e che lui ora  dopo tanti anni, a stento riconosce nel viso segnato dalle rughe e i capelli ingrigiti. Il caso non è facile perché dopo una condanna in primo grado, bisogna preparare in fretta un appello e trovare indizi e prove che smontino quella condanna proponendo una una diversa interpretazione dei fatti. Ma il team che affianca il legale dapprima dubbioso dell’innocenza del ragazzo, poi ne sposa la causa e comincia la caccia a particolari tralasciati dall’inchiesta precedente. La tecnica dell’avvocato ècercare di insinuare dubbi sulla giuria cercando di dimostrare che gli inquirenti della prima indagine hanno sposato subito la tesi della colpevolezza del ragazzo senza andare a fondo su quelle che sembrano incongruenze importanti. Ma la vicenda giudiziaria è continuamente interrotta dai ricordi di Guido che invadono il libro e il tempo presente dilatando il tempo del racconto con la storia tra lui e Lorenza avvenuta negli anni ‘80 quando lei era una ragazza, affascinante, intelligente, colta, ribelle.

Ora Guido è un avvocato affermato che ama andare in libreria ogni settimana e coltiva le stesse abitudini che ormai scandiscono il tempo delle sue giornate. Dice ad un certo punto l’avvocato Guerrieri/Carofiglio: “forse potrebbe essere proprio lo stupore – se fossimo capaci di impararlo – l'antidoto al tempo che accelera in questo modo insopportabile… Il tempo scorre veloce quando si invecchia perché, di regola, si ripete sempre uguale.”  Ma la vicenda giudiziaria ci lascia con il fiato sospeso fino all’ultimocolpo di scena. Ce la farà l’avvocato Guerrieri a salvare Jacopo dal carcere?