Voglia di dolce!

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Chi non ha voglia di qualcosa di dolce in questo periodo? In una famosa pubblicità,  che gli over ricorderanno sicuramente, una signora in una lussuosissima automobile  soddisfa il suo “languorino” con una cascata di cioccolatini dorati, però non è dato sapere se sufficienti. Oggi, la voglia di dolce potrebbe non essere semplicemente voglia di zuccheri, tra l’altro vietati per non creare problemi alla salute,  ma desiderio di gratificazione, di appagamento o di bisogno di eventi lieti e di buone notizie. La voglia di dolce, spesso,  cerca di riempire   vuoti o compensare mancanze nel modo più rapido ed efficace, anche se effimero.  Non serve resistere alla dolce tentazione con atti eroici se non si decodifica quel “languorino” rendendolo significativo e depotenziarlo nella sua dirompenza. Si potrebbe  rispondere alla voglia di dolce leggendo dentro se stessi  quale altro desiderio si sta cercando di surrogare  e provare a soddisfarlo.

Un’impresa difficile non è impossibile, ma richiede un intento, affinché si possano modificare i presupposti che ne consentano la realizzazione. È più facile scartare un cioccolatino che rivendicare a se stessi la  voglia di  migliorare la propria vita “scartando” tutto ciò che non serve, che  rappresenta un ostacolo e che rallenta la realizzazione di sé. Anche in età over il cammino dell’esistenza richiede sempre nuove sfide, piccole o grandi che siano,  che appaghino il senso di bisogno di qualcosa  tra un pizzico di trasgressione e qualche scaglia di creatività, ingredienti  alla base di qualunque ricetta dolce, priva di controindicazioni.

 

Sira Sebastianelli

psicologa-psicoterapeuta

www.sirasebastianelli.it