Attualità

La Legge Salvamare è stata approvata!

giugni-rosalba-10-e1614705045772-300x189.jpg
0
0
0
s2sdefault

Finalmente è stata approvata dal Senato la legge contro l’inquinamento del mare prodotto dalla plastica. Per me che sono una delle tante persone che ha sempre sofferto vedendo una bottiglietta di plastica in mezzo al mare o le tante orrende buste di plastica dei supermercati allargarsi in una mostruosa chiazza bianca, è quasi una liberazione. Tanti hanno sostenuto questa legge presentata alla Camera nel 2019 dal ministro Costa e, tra questi, vogliamo ricordare Rosalba Giugni, presidente di Marevivo che da sempre ha letteralmente combattuto una battaglia contro questo sfregio al mare. Dice Rosalba: ”Ogni giorno 731tonnellate di plastica entrano nel  Mediterraneo, trasformandosi in microplastiche che rappresentano una piaga per l’ecosistema marino e un pericolo per la nostra salute. Le microplastiche sono state trovate nel nostro sangue. nella placenta umana, nel latte materno, nell’aria che respiriamo e nel cibo che mangiamo.”

Leggi tutto: La Legge Salvamare è stata approvata!

QUADRIENNALE DI ROMA: Storie del XXI secolo.

Gian_Maria_Tosatti_4.jpg
0
0
0
s2sdefault

La Quadriennale di Roma, in occasione dei suoi 95 anni, promuove, sotto la direzione artistica di Gian Maria Tosatti, Storie del XXI secolo, un ciclo di appuntamenti sulla storia dell’arte italiana del XXI secolo a cura di Ludovico Pratesi.

 Dedicato non solo a collezionisti e mecenati ma a chiunque sia interessato ad approfondire e a seguire da vicino l’arte più attuale del nostro Paese, Storie del XXI secolo prevede 18 appuntamenti tra maggio e dicembre 2022, con 9 incontri frontali (sia online sia in presenza a Villa Carpegna, sede della Quadriennale) e 9 percorsi di visita in studi di artisti, collezioni e spazi per l’arte contemporanea. 

Il ciclo si divide in due parti: la prima (tra maggio e luglio 2022) è dedicata a un inquadramento di contesto sull’arte italiana degli ultimi vent’anni, mentre la seconda (tra settembre e dicembre 2022) si incentra sull’approfondimento di alcune figure emblematiche. Il coordinamento scientifico è affidato a Ludovico Pratesi, che condurrà gli incontri con la partecipazione di artisti e curatori ospiti.

Il programma di Storie del XXI secolo sarà presentato da Gian Maria Tosatti e Ludovico Pratesi il prossimo 9 maggio alle ore 19 in una diretta open sul canale YouTube della Quadriennale. Si partirà poi il 26 maggio con il primo incontro frontale, riservato agli iscritti.

Leggi tutto: QUADRIENNALE DI ROMA: Storie del XXI secolo.

Piazza Navona, Istituto Cervantes una mostra di Gonzalo Chillida

103149357_3184502301613217_3069058060791264897_n.jpg
0
0
0
s2sdefault

L’Istituto Cervantes, Acción Cultural Española Museo de BellasArtes de Bilbao e Etxepare Euskal Institutua, presentano fino  al 9 luglio 2022 nella sede di piazza Navona a Roma la mostra monografica su Gonzalo Chillida (San Sebastian, 1926-2008).

L’esposizione, a cura di Alicia Chillida, figlia dell’artista, e promossa da Miguel Zugaza, direttore del Museo di Belle Arti di Bilbao, ente che custodisce l’opera dell’artista, intende celebrare uno dei più rappresentativi protagonisti della scena culturale spagnola contemporanea, in un tour nelle sedi dell’Instituto Cervantes. A Roma arriva dopo la tappa di Parigi, da novembre 2021 a febbraio 2022, e proseguirà verso Tokio, da luglio a ottobre 2022, per ritornare al Museo de Bellas Artes di Bilbao nel 2023.

In mostra 34 quadri, 10 litografie, una selezione tra fotografie e collage, provenienti dalla collezione di famiglia e da altre collezioni private e pubbliche che riassumono ed esemplificano il percorso artistico di Gonzalo Chillida, che attraversa trasversalmente l’astrazione lirica, la metafisica, la rappresentazione dell’inumano e del paesaggio inanimato, coprendo un arco temporale che si snoda dal 1950 al 2007.

Le opere sono accompagnate anche dal documentario La idea del Norte, diretto nel 2016 dalla stessa curatrice e Benito Macías, che illustra il processo creativo di Gonzalo Chillida.

Gonzalo Chillida ha sviluppato una precoce vocazione per la pittura partendo dai grandi maestri spagnoli del Museo del Prado (Francisco de Zurbarán, Francisco de Goya, Juan Sánchez Cotán) e sin dagli esordi si può individuare un tema ricorrente nella sua opera: la sobrietà del paesaggio castigliano, in cui trova un infinito simile al mare. 

Leggi tutto: Piazza Navona, Istituto Cervantes una mostra di Gonzalo Chillida

I Marchini tra impegno e passione

Cagli_SuonatoreDiPiffero.jpg
0
0
0
s2sdefault

Una passeggiata fino all’’Accademia Nazionale di San Luca in pieno centro di Roma proprio dietro la Fontana di Trevi è già una bella idea ma se poi ci aggiungiamo la mostra “Una storia nell’arte. I Marchini tra impegno e passione”, diventa una full immersion nell’arte.

La mostra è a cura di Fabio Benzi, Arnaldo Colasanti, Flavia Matitti e Italo Tomassoni, con il coordinamento di Gianni Dessì e l’allestimento di Francesco Cellini e Gianni Dessì.

Un gruppo di studiosi autorevole, un progetto ambizioso che raccoglie più di centotrenta opere selezionate fra quelle che hanno accompagnato la vicenda storica e umana di Alvaro Marchini e della sua famiglia. Una storia scandita dall’impegno imprenditoriale e politico (Marchini è stato comandante partigiano, medaglia d’argento della Resistenza, cofondatore della società che editò “l’Unità”, organo del Partito Comunista) e dalla passione per l’arte, che lo porta a collezionare e ad aprire nel 1959 una galleria: La Nuova Pesa, con sede prima in via Frattina e dall’autunno 1961 in via del Vantaggio.

La prima stagione della galleria La Nuova Pesa, tra il 1959 e il 1976, vede coinvolto un gruppo di artisti e intellettuali, da Antonello Trombadori a Renato Guttuso, da Corrado Cagli a Pier Paolo Pasolini, da Alberto Moravia a Carlo Levi, legati ad Alvaro Marchini da amicizia, oltre che da una familiarità culturale e ideologica. Anche Simona e Carla, le due giovani figlie di Alvaro, partecipano attivamente alla gestione della galleria.

Chiusa La Nuova Pesa nel 1976, Alvaro Marchini continua l’attività imprenditoriale e collezionistica sino alla morte, avvenuta il 24 settembre 1985. Un mese dopo la figlia Simona, quasi a lenirne la perdita, apre una nuova galleria, stessa città, stesso nome ma nuovo indirizzo, via del Corso, che, in un’ideale continuità sentimentale, si avvia a farsi testimone del proprio tempo sino a giungere ai nostri giorni.

L’esposizione si snoda lungo tutti gli spazi di Palazzo Carpegna, a partire dalla Galleria Accademica al terzo piano, lungo la rampa borrominiana, attraverso il Salone d’Onore fino al giardino, al portico e alle sale espositive del piano terra e presenta i lavori di 77 artisti, tra i massimi nazionali e internazionali, a ricoprire tutto l’arco del Novecento fino ai giorni nostri. Punto di partenza del percorso espositivo sono le sale della Galleria Accademica al terzo piano  che accolgono il visitatore con opere di Giacomo Balla, Georges Braque, Carlo Carrà, Giorgio de Chirico, Filippo De Pisis, Juan Gris, Fernand Léger, Albert Marquet, René Magritte, Pablo Picasso e Ardengo Soffici, continuando poi con i lavori di Edita Broglio, Corrado Cagli, Antonio Donghi, Renato Guttuso, Leoncillo, Carlo Levi, Osvaldo Licini, Mario Mafai, Giacomo Manzù, Mirko, Giorgio Morandi, Fausto Pirandello, Antonietta Raphaël, Alberto Savinio, Carlo Socrate e Francesco Trombadori. 

La mostra prosegue giungendo nel Salone d’Onore al primo piano dove sono esposti disegni di Scipione, un importante studio preparatorio per la Crocifissione di Guttuso (1940-41) e una significativa raccolta di disegni di Ernst Ludwig Kirchner, Otto Dix e George Grosz, tra espressionismo e Nuova Oggettività e a chiudere una selezione di opere rappresentative dell’attività della galleria, con opere di Renato Guttuso, Carlo Levi, Alberto Ziveri, Renzo Vespignani, Titina Maselli, Alberto Gianquinto, Piero Guccione, Gianluigi Mattia e Franco Mulas.

Leggi tutto: I Marchini tra impegno e passione

FLORACULT torna il 23, 24, 25 aprile

_APS2351_4.jpg
0
0
0
s2sdefault

Torna FLORACULT il 23, 24, 25 aprile 2022, dopo due anni di interruzione forzata. A I Casali del Pino, all’interno del Parco di Veio, si  terrà l’undicesima edizione della mostra mercato di florovivaismo amatoriale promossa e organizzata da Ilaria Venturini Fendi, imprenditrice agricola e designer, con la collaborazione di Antonella Fornai, esperta di giardini, e dell’architetto Francesco Fornai.

 Memoria e Innovazione è il tema dell'edizione 2022. Le piante e più in generale il mondo vegetale conservano e proteggono una memoria antica dalla quale nascono tradizioni, cultura, ma anche innovazione. Molte piante comunemente impiegate ai giorni nostri, usate da civiltà molto più antiche, rappresentano un ponte temporale che crea un legame forte tra presente e passato.  Attraverso l’osservazione e lo studio dei meccanismi che regolano la vita vegetale si mettono oggi a punto tecnologie innovative e sostenibili applicabili in tutti i settori.

Oltre alle presentazioni, agli incontri, ai laboratori, alle installazioni che come sempre coinvolgono il nostro pubblico, si potranno conoscere e osservare le prestigiose collezioni botaniche proposte dai nostri esperti espositori provenienti da tutte le regioni italiane.

Il Bambù, pianta più antica dell'uomo, è considerata oggi una risorsa ambientale preziosaper la velocità con cui riesce a crescere e rigenerarsi. Per la sua immensa capacità di fotosintesi, attingendo alla tradizione oggi è usato in maniera innovativa per la fitodepurazione delle acque.

Leggi tutto: FLORACULT torna il 23, 24, 25 aprile

TRECCANI: UN VOCABOLARIO DI IMMAGINI.

Emilio_Isgro_FARFAL-ISG_medium.jpg
0
0
0
s2sdefault

Si chiama UTOPIA ed è a cura di Treccani Arte, un ramo del famoso Istituto della Enciclopedia Italiana sulle cui opere tanti di noi hanno studiato e che ancora oggi ci supporta quotidianamente rendendo disponibili a tutti il Vocabolario e l’Enciclopedia on line. Treccani Arte è interamente dedicato all’arte contemporanea, con la realizzazione di pubblicazioni e di grafiche e multipli d’artista dei più grandi nomi italiani .Oggi Treccani Arte lancia una nuova linea di poster d’artista che ambiscono a illustrare, utopicamente, i centocinquantamila lemmi del vocabolario Treccani.

Lemma è la voce, il titolo di un singolo articolo di enciclopedia o di dizionario: una parola, quindi, scelta da ciascuno degli artisti selezionati da Treccani per essere illustrata attraverso un’immagine. Ogni artista ha interpretato la parola scelta con la massima libertà espressiva, rappresentandola in modo inedito e ripensandone il significato stesso.

Leggi tutto: TRECCANI: UN VOCABOLARIO DI IMMAGINI.

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting