Attualità

“La Prima Donna che”

0
0
0
s2sdefault

Il progetto “La Prima Donna che” nasce dal film “ La Prima donna” su Emma Carelli da un’idea di Carlo Fuortes e con la regia di Tony Saccucci. La Carelli, soprano e prima donna direttore di teatro, nata a Napoli nel 1877, ha incantato il pubblico di mezzo mondo e tenuto testa a uomini del calibro di Toscanini. Diresse il Teatro Costanzi, oggi Teatro dell’Opera di Roma, dal 1912 al 1926. La storia della sua vita avventurosa e piena di successi ma anche di sconfitte da cui sempre si rialzava per tornare vincitrice, raccontata  con molte immagini originali, mi ha tenuto incollata alla sedia senza un attimo di respiro per tutto il tempo di questo bel film.

E ora l’Associazione, “un progetto di narrazione e illustrazione di storie di prime donne di oggi e di ieri. Un mosaico di di figure straordinarie pensato affinché l’invisibile diventi visibile e lo straordinario diventi ordinario, alla portata dei sogni di ogni bambina…” Tra le storie quella di Aimé Mullins, atleta, modella, attrice, attivista che sin da piccola si è dovuta reinventare. Il giorno del suo primo compleanno le vengono amputate le gambe sotto le ginocchia per via di una malformazione congenita ma a due anni sa già camminare sulle protesi. A chi le chiede della sua condizione di disabile, lei risponde che il dizionario non è ancora efficace, visto che traduce il termine solo con concetti negativi, mentre lei, con la sua disabilità, è andata ben oltre quello che fanno i cosiddetti normodotati. Infatti all’età di 17 anni è la più giovane donna ad avere un pass di massima sicurezza al Pentagono dove lavora come analista grazie a una borsa di studio per merito.
A 20 anni è anche un’atleta di basket.  Nel frattempo intraprende con successo sia la carriera di modella (memorabile l’apertura dello show londinese di Alexander McQueen nel 1999) sia la carriera di attrice.

Leggi tutto: “La Prima Donna che”

La guida “Zero Waste” di Marevivo.

IMG_5002.jpg
0
0
0
s2sdefault

Ho trovato molto interessante la guida contro gli sprechi di Marevivo che potete trovare sul sito www.marevivo.it

Ormai la questione è all’ordine del giorno ma tutti pensiamo quasi sempre agli sprechi pubblici anche se, in realtà, ciascuno di noi può contribuire ogni giorno verso un cambiamento che porti ad uno stile di vita più sostenibile.

“Riconsideriamo quello che ci serve, riutilizziamo gli oggetti il più possibile, ricicliamo correttamente ciò che buttiamo via.” Questo ci suggerisce la guida di Marevivo che poi spiega che “viviamo in una economia lineare, dove sfruttiamo le risorse della Terra per trarne profitto, i prodotti di breve durata sono preferiti perché sono più a buon mercato e la lunga durata e la riparazione sono evitati perché è più redditizio vendere nuovi prodotti che mantenere e riparare quelli vecchi.

L’obiettivo zero waste è quello di passare ad una economia circolare in cui tutte le attività, a partire dall’estrazione e dalla produzione, sono organizzate in modo che i rifiuti di qualcuno diventino risorse per qualcun altro”. Ma noi cosa possiamo fare? “Dal cibo ai vestiti, dai mobili ai libri: tutto può avere una seconda vita ed essere donato o redistribuito tramite iniziative solidari”. Chi di noi durante le lunghe giornate a casa della pandemia non ha dedicato almeno un giorno a mettere a posto gli armadi trovando vestiti mai più messi da anni, ormai diventati magari troppo stretti o corti e che da tempo avremmo potuto donare a chi non possiede nulla? Adesso con i raccoglitori gialli di abiti usati che si trovano in ogni quartiere, ci è stato anche facilitato lo smaltimento.

Leggi tutto: La guida “Zero Waste” di Marevivo.

Il Louvre online.

Gioconda_pp_Leonardo.jpg
0
0
0
s2sdefault

Ormai tutti i paesi europei vivono un momento di chiusure e quarantene che impediscono non solo i lunghi viaggi ma qualsiasi spostamento.

L’unico modo che ci è rimasto per viaggiare è farlo on line. A questo proposito bisogna dire che l’offerta è notevole. Cominciamo dal Louvre e dal famosissimo quadro della Gioconda di Leonardo da Vinci. Sul sito del Louvre è possibile vederne tutti i particolari ingrandendo l’immagine totale, gli occhi, la bocca e ogni particolare del quadro.

Basta andare su www.louvre.fr e poi su ‘A closer look at the Mona Lisa’ dove la terza foto verso il basso è il quadro della Gioconda, Lisa Gherardini moglie di Francesco del Giocondo. Una voce ci racconta come fin dal tempo della sua creazione nel 1503 la Mona Lisa è stato considerato come il miglior quadro mai prodotto al mondo. Già nel 1550 Giorgio Vasari nella sua biografia di Leonardo da Vinci, aveva scritto una entusiastica descrizione del quadro e il Louvre ha da sempre riconosciuto alla Gioconda, entrata a far parte della collezione del museo, un posto d’onore. Essendo un’icona della pittura nel mondo, molte sono state le reinterpretazioni di grandi artisti, da Marcel Duchamp a Ferdinand Légér, Botero, Andy Wharol fino a Basquiat.

Leggi tutto: Il Louvre online.

I cani tornano alla Casa Bianca.

biden_cane_casa_biancajpg_fdetail_558h720w1280pfhwd9e7a7a.jpg
0
0
0
s2sdefault

Con Joe Biden i cani torneranno alla Casa Bianca. Ne ha dato notizia anche il New York Times su Instagram. Champ e Major i due pastori tedeschi della coppia che occuperà la Casa Bianca, si preparano a rinnovare la tradizione interrotta da Trump per cui i presidenti degli Stati Uniti hanno, con poche eccezioni, portato sempre i loro cani nella nuova residenza in genere insieme a numerosi altri animali. Mentre Champ viene da un allevamento, Major è stato adottato da Ashley, figlia di Biden, che aveva letto un annuncio di un canile. Sembra che Major facesse parte di una cucciolata che era stata esposta a sostanze chimiche. La tradizione fu iniziata da George Washington, primo presidente degli Stati Uniti, che fu addirittura un allevatore di Foxhound fino Roosvelt che portava il suo Fala, uno Scottish Terrier, sempre con sé in aereo, in treno e a molti eventi internazionali e a cui fu dedicata una statua accanto alla tomba del suo padrone. Poi tutti gli altri tra cui George Bush senior con la sua Millie una spring spaniel inglese che è apparsa in una puntata dei Simpson e a cui la moglie di Bush dedicò un libro. Altri cani famosi sono quelli di Obama che ne portò alla residenza diversi tra cui Sunny e Boche hanno fatto anche delle clips pubblicitarie diventando delle vere e proprie star.

Leggi tutto: I cani tornano alla Casa Bianca.

Flavio, Catherine e il gattino ferito

image001-2.jpg
0
0
0
s2sdefault

Ogni giorno che passa scopro quante sono le persone che hanno a cuore il destino di tanti animali abbandonati. Qualche giorno fa ho letto sul Corriere della Sera un articolo sulla campagna che si è svolta in Russia contro l’abbandono dei cani. Manifesti di cani tenerissimi hanno invaso perfino le metropolitane. Una campagna di comunicazione così me la sarei aspettata magari dall’Inghilterra, paese dove gli animali sono rispettati e molto amati, ma non certo dalla Russia che, nell’immaginario collettivo certo non passa per un paese sensibile ai diritti delle minoranze umane, figuriamoci a quelli degli animali. E invece ho scoperto una grande sensibilità verso il problema dell’abbandono. A questo proposito vi voglio raccontare la storia di Flavio, Catherine e di un gattino randagio.

Come ogni mattina, quel giorno Catherine era scesa in garage e aveva acceso la macchina per andare in ufficio ma subito si era accorta che qualcosa non andava, era come se il motore si inceppasse. Dopo aver spento il motore, aveva aperto il cofano e aveva trovato un piccolissimo gattino tutto insanguinato che si era evidentemente infilato nella ventola del motore in cerca di un riparo per la notte. Il grido di aiuto di Catherine era stato subito raccolto da Flavio che, avvolto il gattino in una coperta, era corso dal veterinario. Ma il referto era stato scoraggiante: il gattino difficilmente avrebbe passato la notte nonostante le flebo e gli antibiotici.  Era proprio ridotto male: un orecchio e una zampa rotti, un occhio chiuso e insanguinato e tagli dappertutto.

Leggi tutto: Flavio, Catherine e il gattino ferito

“La misura del tempo” di Gianrico Carofiglio

IMG-20200312-WA0003.jpg
0
0
0
s2sdefault

Carofiglio non tradisce mai e anche questo libro, arrivato secondo al premio Strega 2020, non lo fa. Naturalmente al centro c’è una vicenda giudiziaria. L’avvocato  Guido  Guerrieri  viene chiamato  a difendere Jacopo Cardace, giovane accusato di omicidio. Lo cerca e quasi lo implora di difenderlo la madre del ragazzo Lorenza, forse la prima donna di cui si era seriamente innamorato e che lui ora  dopo tanti anni, a stento riconosce nel viso segnato dalle rughe e i capelli ingrigiti. Il caso non è facile perché dopo una condanna in primo grado, bisogna preparare in fretta un appello e trovare indizi e prove che smontino quella condanna proponendo una una diversa interpretazione dei fatti. Ma il team che affianca il legale dapprima dubbioso dell’innocenza del ragazzo, poi ne sposa la causa e comincia la caccia a particolari tralasciati dall’inchiesta precedente. La tecnica dell’avvocato ècercare di insinuare dubbi sulla giuria cercando di dimostrare che gli inquirenti della prima indagine hanno sposato subito la tesi della colpevolezza del ragazzo senza andare a fondo su quelle che sembrano incongruenze importanti. Ma la vicenda giudiziaria è continuamente interrotta dai ricordi di Guido che invadono il libro e il tempo presente dilatando il tempo del racconto con la storia tra lui e Lorenza avvenuta negli anni ‘80 quando lei era una ragazza, affascinante, intelligente, colta, ribelle.

Leggi tutto: “La misura del tempo” di Gianrico Carofiglio

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

POWERED BY

Open Consulting