FLORACULT torna il 23, 24, 25 aprile

_ABD1013_2.jpg
0
0
0
s2sdefault

Torna FLORACULT il 23, 24, 25 aprile 2022, dopo due anni di interruzione forzata. A I Casali del Pino, all’interno del Parco di Veio, si  terrà l’undicesima edizione della mostra mercato di florovivaismo amatoriale promossa e organizzata da Ilaria Venturini Fendi, imprenditrice agricola e designer, con la collaborazione di Antonella Fornai, esperta di giardini, e dell’architetto Francesco Fornai.

 Memoria e Innovazione è il tema dell'edizione 2022. Le piante e più in generale il mondo vegetale conservano e proteggono una memoria antica dalla quale nascono tradizioni, cultura, ma anche innovazione. Molte piante comunemente impiegate ai giorni nostri, usate da civiltà molto più antiche, rappresentano un ponte temporale che crea un legame forte tra presente e passato.  Attraverso l’osservazione e lo studio dei meccanismi che regolano la vita vegetale si mettono oggi a punto tecnologie innovative e sostenibili applicabili in tutti i settori.

Oltre alle presentazioni, agli incontri, ai laboratori, alle installazioni che come sempre coinvolgono il nostro pubblico, si potranno conoscere e osservare le prestigiose collezioni botaniche proposte dai nostri esperti espositori provenienti da tutte le regioni italiane.

Il Bambù, pianta più antica dell'uomo, è considerata oggi una risorsa ambientale preziosaper la velocità con cui riesce a crescere e rigenerarsi. Per la sua immensa capacità di fotosintesi, attingendo alla tradizione oggi è usato in maniera innovativa per la fitodepurazione delle acque.

Sempre affascinanti le piante carnivore che sviluppano sofisticati meccanismi di vita, come la “Dionea miscipula PomPom”, una carnivora dalla forma inusuale.

Interessante la ricca e prestigiosa collezione di Pelargonium dalla lunga fioritura e dall’intenso profumo: il Pelargonium Apple Blossom Rosebud, prediletto dalla Regina Vittoria, varietà dell’800 con una fioritura simile alla rosa, il Pelargonium praemorsum, tra i più affascinanti e rari, ormai estinto in natura.

E ancora l’ Ipomea alba, la dama bianca, il fiore di luna che al calare della luce si apre e si illumina di un bianco sfolgorante emanando tutto intorno un profumo inebriante; i gialli di Digitalis laevigatae Digitalis lutea australis insieme ad altre piante spontanee che creano una tavolozza di colori per un “giardiniere artista”;una rara collezione di 25 varietà di Festuca, graminacea citata da Dante nel trentaquattresimo canto dell’Inferno. Inoltre Apios (glicine tuberoso)una varietà originaria dell’America del Nord che soddisfa tutte le esigenze, sia estetiche, sia culinarie. La sua lunghezza nel tempo può arrivare a 10 metri, il tubero è una patata che contiene 3 volte in più i valori nutritivi della patata che conosciamo.

Inoltre sementi da tutto il mondo: dalla Zucca turbante, il Pomodoro pesca, dalla Fragola nera alla Zucchina serpente. Da segnalare anche alcune piante innovative come la Margherita elettrica, lo Spinacio rampicante e l’Erba formaggio.

Orari 10-19   Parcheggio gratuito - Servizio navetta

Costo biglietto 10 euro – Gratuito sotto i 12 anni

 

 

 

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting