CICALE CICALE CICALE

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Se si dovesse scegliere il simbolo più rappresentativo  del  caldo e dell’afa estiva penso che la cicala ne uscirebbe vincente. Dopo l’ingresso della stagione estiva, all’improvviso nelle ore più calde, il frinire delle cicale rompe il silenzio del giorno. Come non ricordare la favola di La Fontaine che  contrapponeva  lo stridio estivo  delle cicale perditempo senza cibo durante l’inverno, con l’operosità delle formiche  infaticabili  e previdenti  con la dispensa piena?

Nei racconti del mito si narra che il mortale Titone fu reso immortale  per amore di Eos, ma non eternamente giovane, così Zeus per  non lasciare che si consumasse in una vecchiaia senza fine lo trasformò in cicala, diventando un simbolo di immortalità.  Immortalità, quindi, ma anche imprevidenza seconda la favola di La Fontaine, due aspetti che sembrerebbero condannare la cicala a una vita infinita,  senza pensare al futuro in un eterno presente.

Il cicaleccio richiama un senso di immobilismo che non consente movimento, che inchioda a soddisfare il bisogno del momento senza  un intento progettuale, a differenza dell’infaticabile operosità della formica, che non è nella  sua natura rimanere ferma. In realtà sono due facce della stessa medaglia, come la luce e l’ombra, come il bene e il male, come la vita e la morte. Nel corso dell’esistenza l’essere umano ha bisogno e necessità di essere formica per provvedere al proprio sostentamento, ma  dovrebbe avere anche l’impegno  di fermarsi ogni tanto e godere di quello che ha, per alleviare la fatica, per lenire i dolori e per avviare nuovi pensieri.  Forse si dovrebbe riflettere sull’improvvida cicala che con  il suo frinire ci suggerisce di fermarsi ogni tanto per guadagnare un po’ di immortalità.

 

Sira Sebastianelli

psicologa-psicoterapeuta

www.sirasebastianelli.it

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

POWERED BY

Open Consulting