Riabilitiamoci!

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Quando si sente parlare di riabilitazione si avverte un sussulto, perché si visualizza una condizione di immobilità del corpo che richiede un percorso  fisioterapico.  In realtà, la riabilitazione è anche psicologica, tant’è che l’articolo 1 della Legge n. 56 del 18 Febbraio 1989, che regolamenta la professione di psicologo, recita: “La professione di psicologo comprende l’uso di strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.”

Naturalmente  l’intento di questo excursus non ha lo scopo di entrare nel merito di una riabilitazione a carattere terapeutico, ma prendere spunto per focalizzare l’attenzione sulla necessità che ognuno di noi può avere, in una fase  post-pandemica, di riprendere il cammino riabilitativo della vita con entusiasmo, andando oltre la paura.  I lunghi mesi trascorsi a convivere con un virus sconosciuto e insidioso  hanno gradualmente eroso le basi su cui  poggiavano le relazioni umane.  Il distanziamento sociale ha spesso prodotto la distanza sociale, per la diffidenza nei confronti del prossimo (forse infetto), l’impossibilità a esprimere le proprie emozioni epidermiche, l’inibizione di slanci stimolati da un desiderio rimasto inesaudito, oltre a comportamenti di chiusura preventiva che in alcuni casi sconfinava in agorafobia.

Ora, nella speranza che si possa tornare a una ripresa  di movimento libero e  anche liberato dal virus, sorge l’esigenza di riabilitarsi a una vita che possa ritrovare   sicurezza nell’incontro con i propri simili  e la fiducia di esserne capace. La consapevolezza di trovarsi in un momento di difficoltà è già un passo importante per consentirsi un adeguato svezzamento alla ripresa. Per quanto ci sia la tendenza a rimuovere il passato e dimenticare la paura velocemente, può essere più utile riconoscere la difficoltà e affrontarla un po’ alla volta. Piccoli passi per  attraversare il mondo, dove ognuno è portatore di  paure che condizionano i pensieri. La stretta di mano sarà prova di una ritrovata serenità, che ancora non è consentita, ma che acquisirà un significato mai immaginato prima. Ne saremo pronti? Probabilmente sì, ma  se si fosse titubanti, sarà solo una questione di tempo “riabilitativo”.

 

Sira Sebastianelli

psicologa-psicoterapeuta

www.sirasebastianelli.it

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

POWERED BY

Open Consulting