In Italia gli animali domestici sono più degli umani

Questo_IMG_1567.jpg
0
0
0
s2sdefault

 

Gli animali sono più degli umani, ce lo dice il 14esimo rapporto Assalco-Zoomark pubblicato a novembre, che da anni seguiamo con attenzione: sono 62,1 milioni contro 60 milioni di umani. Naturalmente quando parliamo di pet non ci riferiamo solo a cani e gatti ma ai pesci che vivono negli acquari, a tutti gli uccelli ecc.

Sembra che la pandemia abbia contribuito alla voglia di avere un animale da compagnia in casa, spesso per sottrarsi alla solitudine. A molti anziani è stato regalato dai figli un gatto o dei canarini che li hanno aiutati nei periodi in cui non si poteva uscire. Accudirli, dare loro da mangiare dava spesso un senso alle loro lunghe giornate. L’emergenza Covid ha provocato una impennata di ingressi in famiglia di cani e gatti, circa il 15% in più, a cui purtroppo, è seguito un progressivo abbandono. E qui è ricominciata quella che chiamano staffetta, cioè il trasporto spesso illegale,

di cani e gatti di strada dal Sud al Nord d’Italia. L’offerta di animali da adottare viaggia prima di tutto sui social che lanciano le adozioni e poi sulle strade molto spesso su furgoni strapieni di animali in pessime condizioni igieniche e, ovviamente, senza documenti di viaggio. Molti di loro non ce la faranno e non arriveranno mai a destinazione. Anche perché spesso ci sono trasporti che arrivano anche a 40 ore consecutive di viaggio.

Accanto a questa illegalità diffusa intorno ai pet cioè agli animali da compagnia, c’è un mercato vero stimato in più di due miliardi di lire che copre dai mangimi più raffinati alle infinite specie di gadget di tutti i tipi compresi i collari con penne e brillanti. Ciò che appare però veramente inaccettabile è il costo dei medicinali per gli animali. I prezzi infatti non sono calmierati e spesso lo stesso principio attivo per il cane costa il doppio di quello usato per gli uomini. Questo rende difficile la cura quando si ammalano perché i costi sono troppo alti e non tutti sono in grado di permettersi cifre c simili per i loro animali ammalati.

 

 

 

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

POWERED BY

Open Consulting