Fuoco

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Che cosa fa pensare  la parola fuoco? Sicuramente, le immagini evocate  dal fuoco  possono essere tante,  da quelle legate a situazioni confortevoli, come, ad esempio, di un camino acceso, a quelle  angosciose di qualcosa che brucia, potenziale pericolo per le persone.  Ognuno proietta le proprie esperienze e i propri vissuti emotivi, ma il fuoco è, comunque, un elemento intoccabile, che non esiste in natura, ma ne fa parte. Negli ultimi tempi mi è capitato di rileggere un racconto di Dino Buzzati dal titolo “La peste motoria”,  che, nonostante sia stato scritto qualche decennio fa,  è molto attuale. Il racconto narra di una epidemia che colpisce le automobili e si diffonde se c’è contatto con i tubi di scappamento di altri  motori,  contagiati dalla peste. I sintomi si manifestano con singhiozzi del carburatore che ne decretano la morte!  L’unico modo per arginare il contagio e prevenirlo è quello di portare le automobili  in un luogo dove bruciarle. La storia parla anche di altro e soprattutto di sentimenti traditi in tempi in cui ognuno pensa a salvare se stesso, ma singolare è verificare come tutte le epidemie si somiglino, nella realtà e nella metafora. Il fuoco è trasformatore e purificatore, ma anche distruttore implacabile,  albergando in sé  aspetti opposti che si manifestano in base  all’uso che se ne fa.   

 La pandemia che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo ha bruciato vite e ancora ne brucia,  il fuoco pandemico ha lambito esistenze lasciando cicatrici profonde, tracce di un passaggio devastante che il mondo intero si sta impegnando  a bloccare in modo definitivo.    Anche la psiche brucia e ha bruciato per le  paure, le angosce e le fobie che si sono attivate durante le fasi più cupe del periodo di maggior contagio, fasi in cui il fuoco   alimentava focolai,  ma non faceva luce, anzi lasciava precipitare l’umanità ancora più nel buio. Ora, il fuoco virale, che consuma ossigeno, sembra vada spegnendosi, ma, nonostante sotto la cenere, forse, ancora arde,  questo è il momento per recuperare energie e forze psicofisiche,  rimettendosi in cammino,  con i propri progetti e i propri intenti. La stagione estiva è alle porte e per quanto  il turismo di prossimità  sembra caratterizzare le vacanze, mettiamoci, comunque, in viaggio per cercare il sole, fuoco benevolo che, oltre a scaldare gli animi, illumina la strada da percorrere.

 

Sira Sebastianelli

psicologa-psicoterapeuta

www.sirasebastianelli.it  

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

POWERED BY

Open Consulting