Zattera

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

Negli ultimi  due anni  è prevalsa la sensazione di procedere navigando a vista, seguendo la corrente e il moto ondoso pandemico. Oggi, mentre si intravedeva la terra ferma è arrivata una nuova pugnace tempesta  ed eccoci di nuovo spinti verso il largo su una zattera, come naufraghi.  Gli over e le  over provati da anni di navigazione incerta, mai avrebbero pensato di ritrovarsi ancora in mare aperto. Non a caso uso termini  legati al linguaggio del mare, perché quando si naviga non sempre ci si può affidare  al vento, quindi si ricorre   alla cosiddetta seconda navigazione. La seconda navigazione consiste nel procedere con una imbarcazione con i remi! È un procedere in mare orientando la rotta, per osservare dove meglio approdare avanzando con cautela, ma anche con più fatica.

Ecco, forse in questo momento la percezione più diffusa da un punto di vista psicologico è la fatica di  dover resistere ancora, per sentirsi completamente al sicuro nel porto della propria esistenza. I remi che affondano nell’acqua e spingono verso luoghi protetti sono quanto di più utile  per non sentirsi trascinati da eventi incomprensibili, senza sapere dove portano. La zattera, metafora salvifica del naufrago, è il mezzo con cui attraversare il mare della vita, nella consapevolezza che l’essere umano è dotato di risorse impensabili, che si attivano proprio quando è necessario….remare!

 

Sira Sebastianelli

psicologa-psicoterapeuta

www.sirasebastianelli.it

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting