MATRIOSKA

Sebastianelli2021.jpg
0
0
0
s2sdefault

In questi giorni  mi è capitato di pensare alla bambola russa conosciuta come matrioska, chiedendomene il perché! Probabilmente, riflettendo sull’ultimo anno trascorso, che lascerà  traccia di sé nel DNA psichico  dell’umanità, ho ipotizzato che i ricordi che si sono depositati nella memoria di ognuno siano poco diversificati, perché più legati a emozioni intimamente vissute che a eventi   accaduti. Tant’è che se la memoria, degli ultimi mesi, fosse raffigurata come una  Matrioska, nell’aprirla si troverebbero immagini simili stratificate nel tempo.  In realtà, però,  ciò che sembra simile nasconde delle differenze, come per la bambola russa.

Se si procede, infatti, nella scoperta delle bambole russe, stipate all’interno della bambola madre, si giunge alla più piccola che chiude la sequenza ed è chiamata seme. Il seme da cui germoglia la vita rappresentata e prodotta in un continuum infinito di bambole, che fanno pensare al tempo che trascorre e deposita ricordi, sensazioni, emozioni. Immagini rassicuranti che aiutano a ritrovare fiducia nel futuro, anche attraversando un presente uguale a se stesso.   Ecco forse spiegato perché ricorra la matrioska nel pensiero,  immagine rappresentativa della memoria collettiva, che sembra sempre uguale, ma in fondo è profondamente diversa.

 

Sira Sebastianelli

Psicologa psicoterapeuta

www.sirasebastianelli.it   

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.335.481816

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile - Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

POWERED BY

Open Consulting